martedì 3 ottobre 2017

Hideaway di Penelope Douglas, i più attesi!

Buonasera crazy,
oggi parliamo di Hideaway di Penelope Douglas, un romanzo che aspettavamo tutte con eccitazione e curiosità. Si tratta del secondo volume della serie Devil's Night di cui in Italia abbiamo letto invece il primo libro, Il mio sbaglio più grande. È uscito solo ieri in America ed eccoci qui, oggi, a dirvi la nostra sul secondo personaggio dei cavalieri di Thunder Bay: Kai Mori.
Se Rika e Michael ci aveva raccontato una storia di sangue e onore, dove mettere da parte i sentimenti e raggiungere la propria vendetta sembrava l’unica cosa da fare, ecco che entra in scena il Cavaliere che più ci aveva ammaliate con il suo tormento e il suo animo nobile. Quindi non perdiamo tempo e andiamo finalmente a conoscerlo.

Bossman Titolo: Hideaway
Autore: Penelope Douglas
Serie:  #2 Devil's Night
Editore:
Self published
Data:  2 Ottobre 2017
Genere: Erotic Suspense
Categoria: seconde possibilità
Narrazione: prima persona. pov alternato
Finale: No cliffhanger
Coppia: Banks, donna misteriosa del passato di Kai; Kai, uomo forte e ambizioso alla ricerca di se stesso.



BANKS

Sepolto nelle ombre della città, c'è un hotel chiamato The Pope. Cadente, vuoto e oscuro, si trova abbandonato e circondato da un mistero dimenticato.
Ma pensi che sia vero, vero, Kai Mori? La storia del dodicesimo piano nascosto. Il mistero dell'ospite oscuro che non ha mai fatto il check-in e non è mai uscito. Pensi che posso aiutarti a trovare quel nascondiglio segreto e arrivare a lui, vero?
Tu e i tuoi amici potete provare a spaventarmi. Puoi provare a spingermi. Perché, anche se mi sforzo di nascondere tutto quello che sento quando mi guardi - e da quando ero una ragazza - penso che forse quello che cerchi è molto più vicino di quanto tu realizzerai mai.
Io non lo tradirò mai.
Quindi, tenete duro.
Nella Notte del diavolo, la caccia verrà da voi.

KAI

Non hai idea di quello che cerco, piccola. Non sai cosa sono dovuto diventare per sopravvivere tre anni in prigione per un crimine che avrei volentieri commesso ancora.
Nessuno può sapere in cosa mi sono trasformato.
Voglio quell'albergo, voglio trovare lui, e voglio che questo finisca.
Rivoglio la mia vita.
Ma più io sto intorno a te, più mi rendo conto che questo nuovo me è esattamente chi ero destinato ad essere.
Dunque coraggio, ragazzina. Non tirarti indietro. La mia casa è in cima. Così tanti modi per entrare e buona fortuna per trovare la tua via d'uscita.
Ho visto il tuo nascondiglio. E’ tempo che tu veda il mio.




“Io voglio te” le dissi ancora.
“Non mi importa quale sia il tuo nome, 
di chi tu sia figlia o quanti soldi hai o non hai.
Io voglio solo te, al piano di sopra, vestita di nulla eccetto che delle mie lenzuola”.
Un bellissimo piccolo sorriso riempì le sue labbra.
“Io non sarò Banks stasera?”
“Ed io non sarò Kai”.
“Solo per stanotte?”
Annuì, amando il nostro piccolo gioco.
“Solo per stanotte.”


E’ passato un anno dalla Notte del Diavolo in cui Damon ha cercato di uccidere tutti i suoi amici. Un anno da quando è scomparso nel nulla e un anno da quando nessuno l’ha più sentito. Gli investigatori non l’hanno mai trovato. La polizia brancola nel buio e i cavalieri adesso hanno perso un loro componente, una parte fondamentale della loro vita e vanno avanti sapendo che nulla sarà più lo stesso. Ma se Rika e Michael stanno organizzando il loro matrimonio e Will passa da una festa ad un'altra senza pensieri, Kai è vigile. Sempre. Scruta i vicoli di notte. Se sente un rumore in una strada deserta si irrigidisce. Il pensiero di Damon lo tormenta notte e giorno. La notte del Diavolo si avvicina e lui sa, con assoluta certezza, che Damon tornerà a reclamare quello in cui ha fallito precedente: la loro vita. Diventa così un ossessione per Kai trovare Damon, a tutti i costi, e batterlo sul tempo su un gioco che non l’ha mai stancato: quello del gatto con il topo. La caccia è finalmente aperta e lui non vede l’ora di ricominciare ad inseguire la sua preda. Così, quando pensa di sapere dove si nasconde Damon non ci pensa due volte e compra il The Pope, un vecchio hotel in disuso di proprietà della famiglia Torrance. Eppure le carte vengono nuovamente rimescolate quando ad occuparsi del contratto di vendita non sarà lo stesso padre di Damon, ma anzi la sua assistente: Banks. La Banks di Kai.
Quella che lui non ha mai dimenticato e che in sei anni è sempre stata l’unica boccata fresca in un mondo pieno di pensieri oscuri e azioni tormentate. E così veniamo catapultati nuovamente alla Notte di del Diavolo, adesso sei anni prima, quando Rika non faceva ancora parte del gruppo e Kai aveva appena conosciuto la dolce ossessione della sua vita: la piccola e misteriosa Banks. Tra passato e presente, tra ricordi e nuove emozioni, ritroviamo in Kai una nuova anima. Pronto a tutto per avere questa donna e allo stesso tempo disposto a perdere tutto quello che ha realizzato per trovare il suo nemico. E per un uomo per cui la lealtà è fondamentale ecco che vediamo Banks dividersi in due anime: quello che desidera e quello che non può avere. La fedeltà ai Torrance le proibisce di provare qualcosa per Kai eppure stare vicino a lui le renderà sempre più difficile identificare il confine tra lealtà verso la famiglia per cui lavora e l’uomo che le si sta insinuando sotto pelle, arrivando a dividerla in due.
Già in corrupt Kai era un personaggio che aveva affascinato tutte noi. Bello, intelligente, astuto, con un anima. Il cavaliere tormentato in Hideaway torna a farci sognare e sospirare. Oscuro e cattivo con i nemici, ma eccitante e dolcissimo con chi ama. Kai rappresenta due facce della stessa meravigliosa medaglia. Più intenso di Michael e meno sadico di Damon, è il cavaliere per eccellenza, che tutte noi ci troveremo ad amare e per cui tifiamo senza remore. Da sempre vittima di una coscienza e l’unico tra loro che sente il peso delle scelte fatte da ragazzo. Ha deluso la famiglia e infangato il nome dei Mori e questa è un onta di profonda vergogna per lui. Ambizioso e astuto, per sé non ha mai preteso nulla nella vita privata, finchè non torna nella sua vita la dolcissima Banks, la ragazza che credeva di aver perduto e che non avrebbe mai ritrovato. Eppure eccola lì, dopo sei anni, è la voglia di tornare a caccia e giocare con lei diventa più forte che mai, fin quasi a riportarlo alla vita.
Banks è il personaggio femminile della Douglas che forse ho più amato. Abbiamo una protagonista forte, indomita, che non si fa abbattere da nulla e che se crolla lo fa quando è sola, dove nessuno può vederla o giudicarla. Questa forza è mischiata ad una profonda fragilità, che deriva dall’essere sempre stata sola e quasi dimenticata in un angolino per tutta la sua vita. Non permette a nessuno di giocare con le sue emozioni e dona il cuore solo a chi lo merita davvero, sognando una vita più facile in cui essere amata sia la normalità, ma con la consapevolezza che questo desiderio non la può schiacciare a terra e anzi, lottare per se stessa è il suo primo imperativo. Banks non è una donzella in difficoltà. Banks uccide da sola il suo drago e non permette ad un altro di combattere le sue battaglie. Così, quando Kai torna nella sua vita lei si sente persa, spaesata. Sentimenti provati solo sei anni prima tornano a galla e la voglia, per la prima volta, di affidarsi a qualcuno e il desiderio che questa volta sia un cavaliere ad uccidere un drago per lei le riscalda il cuore. Ecco che quindi inizia una lotta tra i due. Kai che la vuole vicina e Banks che sa che si deve allontanare da tutte le emozioni che solo lui riesce a suscitarle, in una lotta impari dove entrambi potrebbero vincere o perdere.
Corrupt mi era piaciuto tantissimo. Abbiamo un primo incontro con tutti i cavalieri e ci vengono presentati uno ad uno. In Hideaway invece ci soffermiamo in particolare su due di loro: Kai e Damon. Il loro passato è strettamente connesso e di pagina in pagina conosci la bellezza dell’anima di Kai ma anche il tormento della vita di Damon. Indubbiamente un principale obbiettivo dell’autrice è stato sicuramente cercare di umanizzare Damon e chi come me lo ama da sempre non può che ringraziare. Ho trovato la struttura narrativa e l’intreccio della storia molto più coerenti e accattivanti del primo romanzo di questa serie. Se la storia di Rika e Michael era fatta di sangue e oscurità, quella di Kai e Banks è rischiarata dalla luce e dalla bellezza. Sono due personaggi forti, ma incompleti, ognuno dei quali sa cosa lo renderebbe felice ma non è ancora pronto per afferrarlo. E’ una storia dolce, luminosa e tormentata, in cui tifare per un loro lieto fine ti spinge ad arrivare all’ultima pagina sempre più affamata di colpi di scena e con la consapevolezza che anche questa volta Penelope Douglas ci ha regalato una storia che scava nel cuore e stringe lo stomaco.

Federica







7 commenti:

  1. Non sono riuscita ad aspettare l'uscita in Italia... così l'ho letto ed è molto bello anzi di più. Inoltre c'è anche un'anticipazione del prossimo libro kill switch!!l'attesa sarà estenuante!!

    RispondiElimina
  2. la data è riferita al libro in lingua originale o in italiano?

    RispondiElimina
  3. Si sa quando uscirà in Italia ?! Ho letto il primo e mi è piaciuto tantissimo.. suspence e passione al 100% .. aspetto con entusiasmo il secondo libro!!!

    RispondiElimina
  4. Uscirà in Italia?

    RispondiElimina
  5. Si sa quando uscirà in Italia?

    RispondiElimina
  6. Sai dirmi se e quando uscirà in Italia il terzo libro di questa serie? Purtroppo l'inglese non è il mio forte, quindi non posso leggere il libro in lingua ma essendo molto affascinata dal personaggio di Damon, spero di leggere di lui il prima possibile.

    RispondiElimina

f
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...