lunedì 18 marzo 2019

Ti prego non spezzarmi il cuore di Carian Cole, recensione.

Ciao Crazy,
oggi vi parlo della mia ultimissima lettura, si tratta di Ti prego non spezzarmi il cuore di Carian Cole, primo libro della serie All Torn Up composta da due libri autoconclusivi. Torn, questo il titolo originale, è stato pubblicato il 16 marzo dalla Newton Compton solo in formato ebook, mi auguro però che venga anche riproposto in cartaceo perché un libro così deve far parte della mia libreria... venite a leggere cosa ne penso!





Titolo: Ti prego non spezzarmi il cuore

Autrice: Carian Cole

Editore: Newton Compton

Data: 16 Marzo 2019

Genere: Contemporary Romance

Categoria: Forbidden

Narrazione: prima persona, pov alternati

Finale: Conclusivo



Ero solo una bambina quando ho deciso che da grande avrei sposato Toren Grace. Al compimento del mio diciottesimo compleanno, mi sono accorta che era quello che volevo sul serio. Il problema? Ha quindici anni più di me. Ed è il migliore amico di mio padre. Toren è la persona più affidabile che conosco e anche se so che è l'ultimo uomo sulla faccia della terra che dovrei desiderare, non posso fare a meno di pensare a lui. è protettivo, rassicurante e possiede uno straordinario senso di lealtà. Ecco perché, quando l'ho baciato, ho mandato in tilt il suo mondo. Negare quello che entrambi abbiamo sentito, è impossibile. Ma Toren non rischierebbe mai l'amicizia con mio padre e fa il possibile per starmi lontano. Io, però, sono determinata. Perché non ho intenzione di rinunciare alle scintille che ho sentito quando ci siamo baciati.



Vorrei punirla per avermi voluto quando non doveva
e ringraziarla per quanto mi desidera e
mi ama con tutta me stessa quando ne ho bisogno.


Bello, bello, bello! Un libro che nonostante le sue 480 pagine ho letto in pochissimo tempo. 
Una storia che prende subito, che ti affascina, ti rapisce e che ti tiene in ostaggio fino alla parola fine, e oltre. La categoria è facilmente identificabile con quella del Forbbiden romance in quanto la differenza d'età fra i protagonisti, ma soprattutto il ruolo che da sempre ha giocato Tor nella vita di Kenzi, rende la loro relazione "proibita" e "impossibile" per molti.
Tor ha quindici anni più della figlia dei sui due migliori amici ed ha fatto da sempre parte della sua vita: l'ha vista nascere, è stato il suo babysitter, il suo padrino, il suo amico, l'ha viziata, l'ha protetta, l'ha sempre sentita come fosse il suo "angelo". Lei dal suo canto lo ha sempre venerato: lo zio (non zio)  che la consolava, la faceva sorridere, a cui poteva dire tutto... la sua persona preferita al mondo.

Mia madre mi diceva di seguire sempre il mio cuore
e il mio goloppaverso di lui come un cavallo selvaggio

Il loro legame mi ha subito ricordato un libro famosissimo: vi dice niente l'imprinting di Jacob, il lupo mannaro di Twilight, nei confronti della piccola Renesmee? Beh, Tor e Kenzi hanno la stessa fortissima connessione, si cercano, si attraggono, si amano da sempre... nel tempo i loro sentimenti reciproci sono cresciuti ed evoluti con loro, mai avrebbero pensato che un giorno sarebbero arrivati a considerarsi la propria metà perfetta. Il riscoprirsi attratti l'uno dall'altra sul piano fisico e sentimentale li spiazza, li destabilizza, ma se da un lato Kenzi capisce subito che è inutile combattere un tale sentimento e lo asseconda buttandosi a capofitto nel nuovo ruolo che sente di avere nella vita di Tor, lui invece cerca di reprimere con tutto se stesso le sue emozioni: si sente malato a provare quel che prova per la figlia del suo migliore amico, e soprattutto trova orribile l'idea che si sia innamorato e si senta attratto dalla stessa persona a cui ha per anni fatto quasi da padre.
La cosa che più ho apprezzato in questa storia, oltre la miriade di emozioni che ho provato insieme ai protagonisti, è la mancanza di morbosità durante il fiorire di questo amore proibito. Il rapporto fra Tor e Kenzi, per quanto si svilupperà anche sul piano fisico, vi trasmetterà in primis la sensazione che sia lecito, che questa unione sia stata scritta nelle stelle, che Toren e Kenzi siano destinati da sempre a stare insieme.

Quando ti guardo, non vedo il mio migliore amico di mio padre
o mio zio o il mio padrino o un uomo più grande di me.
Tutto ciò che vedo è la persona che ho sempre amato 
e che mi ha resa felice. Questo è tutto. Io vedo te.


L'autrice riesce a farci comprendere la speciale connessione che li unisce tramite dei piccoli flash back in cui ci mostra scorci del rapporto fra i due fin dalla nascita di Kenzi e sono tutti dolcissimi e indimenticabili, che poi sono quelli che mi hanno da subito dato l'idea di imprinting fra i personaggi.
Un romanzo che consiglio a tutte le amanti del genere come sicuramente uno dei migliori della sua categoria. Un rapporto, quello di Kenzi e Tor, che per consolidarsi si è preso il suo tempo, che non si è dato fretta, una storia che malgrado forse risulti un po' ripetitiva in alcuni punti, non vi annoierà e non riuscirete a perdervi una sola parola, perché due personaggi così giusti sono difficili da trovare. Kenzi nonostante la sua giovane età si comporta con maturità risultando credibile, e Tor è semplicemente l'uomo che tutti vorremmo: un sexy rude motociclista ex rocker dal capello fluente e tatuato con l'animo di devoto cucciolo in cerca della sua casa.
Forse avrei preferito un finale un po' più sofferto ma non mi lamento perché comunque ho amato leggere questo libro e ho amato le sensazioni che mi ha regalato.
Ps. A proposito di cuccioli, l'autrice conquisterà anche il cuore degli amanti dei quadrupedi più fedeli del pianeta. Ora non vi resta che leggerlo e dirmi cosa ne pensate voi!!













1 commento:

  1. Bello. Bello. Bello. La recensione ha perfettamente espresso anche il mio pensiero! Da leggere se si ama questo genere

    RispondiElimina

f
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...