mercoledì 30 maggio 2018

Paper Kingdom di Erin Watt, recensione

Care Crazy,
rieccoci a parlare della famiglia Royal nata dalla penna del duo di autrici conosciuto col nome di Erin Watt. E' uscito il 29 maggio, infatti, Paper Kingdom, sempre edito da Sperling & Kupfer, il secondo e finale capitolo dedicato al fratello più turbolento e irresponsabile, Easton. Avevamo lasciato il giovane Royal alle prese con una sconcertante rivelazione e una tragedia sconvolgente, nel cliffhanger mozzafiato che concludeva Paper Heir. Siete pronte a scoprire le conseguenze di quel finale? E cosa accadrà tra Easton e la sua Hartley? Ecco la nostra recensione.





The Royals series

1. Paper Princess, 30 Maggio
2. Paper Prince, 27 Giugno
3. Paper Palace, 25 agosto
3.5 Paper Crown, 5 giugno 2018
4. Paper Heir, 30 gennaio 2018
5. Paper Kingdom, 29 maggio 2018

Autore: Erin Watt
Editore: Sperling & Kupfer
Genere: Young adult/New Adult
Categoria: high school,  amici/amanti, intrighi
Narrazione: Prima persona, pov alternati
Finale: no cliffhanger





Dopo la terribile tragedia che si è abbattuta sui Royal, niente è come prima.
L'atmosfera in famiglia è più tesa che mai, e Easton, devastato dal senso di colpa per quanto è accaduto, si sente messo in un angolo. Suo fratello Reed ed Ella, sorella adottiva nonché sua migliore amica, sono ogni giorno più complici e innamorati. Gideon è a chilometri di distanza da casa, e i gemelli sono inseparabili persino nella drammatica situazione attuale. La leggenda dei fratelli Royal, belli e invincibili, sembra ormai un lontano ricordo. La forza dei Royal, infatti, esiste soltanto quando restano uniti, divisi sono dannatamente vulnerabili. Come Easton in questo momento. Facile preda delle brutte vecchie abitudini, si trova ad affrontare da solo lo shock più grande della sua vita: rischia di perdere parte della sua famiglia, e persino Hartley. La prima vera amica, dopo Ella. Un'amica che Easton voleva fosse qualcosa di più. Perché lei l'ha fatto ridere. Gli ha fatto credere in un futuro al di là dell'alcol, delle feste e del sesso.
Gli ha fatto desiderare di essere una persona migliore. Ora però la sua luce si è spenta, e lui non è disposto a perderla. Non può perderla. E non lo permetterà. Il più impertinente dei Royal dovrà quindi crescere in fretta e assumersi le proprie responsabilità: per la sua famiglia, per il suo futuro - e per l'amore della sua vita. Si conclude così, con un adrenalinico ed emozionante capitolo, la serie The Royals: un successo internazionale in corso di pubblicazione in 22 Paesi e ai vertici delle classifiche negli Stati Uniti, in Italia, Germania e Brasile



Al termine di Paper Kingdom, ho spento l'e-reader con un pizzico di nostalgia. Mi sono appassionata ai Royal sin dall'annuncio dell'uscita di Paper Princess in lingua originale, ammaliata da trama e copertina. Ho amato alla follia la storia di Ella e Reed e mi sono affezionata a questa grande famiglia, spesso disfunzionale e problematica, ma piena di persone pronte a sostenersi. Essendo il mio secondo fratello Royal preferito, ero entusiasta di leggere cosa avevano progettato le autrici per Easton. L'entusiasmo si era un po' smorzato con Paper Heir, dove avevo visto un protagonista infantile e irresponsabile e una storia d'amore molto acerba. Ma il cliffhanger finale mi aveva sbalordita e scioccata; finalmente, dopo mesi di attesa, la mia curiosità si è potuta saziare grazie alla lettura di Paper Kingdom.
Non vi mentirò: sono rimasta un po’ delusa da questo romanzo. Non ho apprezzato a pieno come è stato sviluppato il cliffhanger, la cui intensità è stata smorzata dopo poche pagine, né come è stato gestito il ritmo del racconto, né un paio di dettagli della trama che non posso svelarvi per motivi di spoiler. Il primo 60% del libro si è svolto in modo piuttosto lento e un filo noioso, con una narrazione che stentava a decollare. Tuttavia, nella seconda parte, la bravura delle autrici si è fatta sentire: hanno saputo togliere dal cilindro un colpo da maestro, regalandoci un finale scoppiettante, soddisfacente e a tratti nostalgico.

Lui è il mio sole, il mio calore, la mia stella polare. Il mio oriente. Io sono la sua anima, la sua ragione di vita, il suo amore. Il suo cuore.

Volutamente non vi parlo della trama, perché sarebbe troppo semplice cadere in spoiler disastrosi che potrebbero rovinarvi il gusto di leggere entrambi i libri. Quello che posso dirvi è che ritroverete Easton alle prese con una maturazione personale che nel primo libro era solo accennata; finalmente, vedremo sprazzi di un ragazzo che vuole dimostrare a chi ama di poter essere un punto di riferimento nei momenti difficili. La strada da compiere sarà colma di ostacoli, ma Easton sarà determinato a farsi valere, spinto soprattutto dall'amore che prova per i suoi fratelli e per la ragazza che, inaspettatamente, gli ha rubato il cuore.
Dal canto suo, Hartley dovrà affrontare delle sfide inattese e impegnative, che rivoluzioneranno la sua vita e la sua identità. Con pazienza e l'aiuto di Easton, la ragazza saprà diventare una persona più forte ed indipendente, ma imparerà anche a fidarsi di un ragazzo che dimostrerà di essere sempre al suo fianco. East e Hart sono una coppia apparentemente male assortita: il ragazzo popolare e ricco e la ragazza emarginata e lavoratrice, il dongiovanni e la schiva. Eppure, insieme riescono a darsi forza, a spalleggiarsi, a diventare persone migliori. I due non mi hanno regalato le stesse emozioni della coppia formata da Ella e Reed, ma ho sempre tifato per loro e per la loro felicità.

Ancora una volta sono stupita dalla magia che è Easton Royal. L’unica persona della mia vita che riesce sempre a farmi sorridere, sia nei momenti migliori sia in quelli peggiori.

Con la trilogia dedicata a Reed, il duetto con protagonista Easton e la novella per Gideon, si conclude la saga dedicata ai Royal. Le autrici, infatti, hanno affermato di non aver intenzione di scrivere altri libri sulla famiglia che ci ha rubato il cuore. Io ne sono felice, perché dal mio punto di vista, il brio e l'intensità dei primi libri è andata man mano scemando, ed il rischio era quello di avere tra le mani libri e trame sempre più raffazzonate. Ma conservo lo stesso il piccolo desiderio di veder regalato a Callum, il padre dei cinque fratelli e uno dei miei personaggi preferiti, un bel lieto fine. Per ora, quindi, diciamo addio ai Royal; ma chissà, forse in futuro le autrici cambieranno idea e l'addio si trasformerà in un arrivederci.

Buona lettura, 
Liliana









2 commenti:

  1. Sono assolutamente d'accordo con te su tutto. Ammetto di non averlo ancora finito ma già dopo qualche capitolo la voglia e l'eccitazione di sapere si era quasi esaurita del tutto. Mi sono "sforzata" per un solo motivo: Easton. E' da sempre il mio preferito, nonostante Ella e Reed siano comunque una coppia adorabile. So per esperienza, conoscendomi, che i ragazzi disastrati mi piacciono, mi fanno tenerezza, mi fanno arrabbiare e Easton rispecchiava tutte queste caratteristiche (e tante altre), perciò era impossibile che non mi innamorassi di lui. Detto questo, sono a metà e spero che il libro decolli, anche perchè Hartley era un personaggio piacevole... che però qui si è persa davvero tanto.

    RispondiElimina
  2. Si,è vero è meno accattivante rispetto ai precedenti,ma io l'ho comunque trovato bello e poi diciamocelo Easton è Easton!!!
    Spero che la saga non finisca qui però perché vorrei proprio sapere qualcosa di più su i gemelli,soprattutto visto la conclusione di questo,e poi perché no un libro su Callum (che uomo)non ci starebbe affatto male!

    RispondiElimina

f
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...