giovedì 6 agosto 2015

Fammi sentire importante, Love is red, Die for me: le nostre opinioni

Ciao crazy, 
oggi vi proponiamo una recensione multipla di alcuni titoli paranormal e thriller che abbiamo letto in questi mesi: Fammi sentire importante di Shally Crane, Love is red di Sophie Jaff e Die for me di Amy Plum.  Ecco le parole delle nostre Cinza e Valentina...




Fammi sentire importante di Shally Crane

Serie Significance

1. Fammi sentire importante
2. Accordance
3. Defiance
3.5 Reverence
4. Indipendence
4.5 Concequence
5. Undeniably Chosen
6. Undeniably Faten

Editore: Newton Compton
Autore: Shelly Crane
Genere: Urban Fantasy YA



Maggie ha diciassette anni, e il suo ultimo anno di vita è stato davvero terribile. La mamma se n’è andata da casa e il padre è caduto in depressione. Poi, come se non bastasse, il ragazzo con cui stava da quasi tre anni l’ha mollata su due piedi per trasferirsi in un college con una borsa di studio per giocare a football. Tutto quello che le resta è appeso a un filo, e Maggie non può far altro che difenderlo con le unghie e con i denti. Ma un giorno, a un semaforo, incontra Caleb. Maggie si accorge subito che qualcosa di lui la intriga. Quando si sfiorano, la fiamma della passione avvampa, ed entrambi scoprono di riuscire a vedere il loro futuro l’uno nella mente dell’altro. Maggie capirà così non solo che Caleb è la sua anima gemella, ma anche che esiste un mondo intero di persone dotate di poteri magici e abilità che fino a quel momento non poteva nemmeno immaginare. Allo stesso tempo, però, Maggie dovrà sperimentare un nuovo dolore: sono molti i nemici che minacciano Caleb, e anche lei è in pericolo…
  


Incuriosita dalla copertina e dal titolo, mi sono accorta solo in secondo tempo del genere “fantasy”, ed è stata una piacevole sorpresa. Per quanto riguarda la trama: veniamo subito a contatto con la protagonista Mags, una diciassettenne diplomatasi con un anno in anticipo, che ha appena concluso “in teoria” una fase del suo percorso di vita. “In teoria” perché in realtà la sua vita è stata capovolta ed in questo momento, il suo futuro, è solo una questione secondaria di cui preoccuparsi.
Con l’abbandono della madre, non si è solo ritrovata a ricoprire un ruolo che non le competeva, ma ha perso un padre, ormai distrutto dalla perdita della moglie, e ha perso tutti i loro risparmi, sperperati da una donna egoista che senza pensarci due volte ha voltato le spalle alla sua famiglia. Per non parlare del suo ex ragazzo, che l’ha lasciata pochi giorni dopo l’abbandono della madre, e che sembra continuare a volerla nonostante le sue priorità siano altre, e non la comprendano. Mags è una ragazza amareggiata e triste, ma ciò che le aspetta avrà un forte impatto sulla sua vita.
Un incontro sconvolgerà il suo mondo. Un semaforo, un ragazzo sconosciuto e una stretta di mano.
Lui, Caleb, è umano, ma non completamente.. si chiamano “Virtuosi”, o Fatati: umani che hanno poteri speciali, i quali si ottengono solo ad una certa età e solo dopo l’impronta. Già.. L’Impronta. L’impronta è quel riconoscimento di due anime, che sono destinate a fondersi, o quasi: le due anime si riconoscono al tocco delle due persone, si tratta di una sorta di colpo di fulmine, che avviene mediante un contatto.. in questo caso è una stretta di mano.
Una stretta di mano ed il destino di Maggie e Caleb si compie. Loro sono anime gemelle. Le loro anime si sono riconosciute e d’ora in poi saranno connesse. Una connessione destinata a durare in eterno.
Ma.. C’è sempre un “ma” in tutte le storie. Sarà difficile per la ragazza, perché la sua vita verrà ulteriormente capovolta: adesso ha un ragazzo al suo fianco, che le è ancora sconosciuto; ha una famiglia che la accoglie e che la tratta come se fosse un tesoro prezioso; suo padre si risveglia dal suo stato di depressione ed inizia a farle pressioni. Insomma troppi cambiamenti. Maggie ne è sopraffatta, per non parlare del suo amico, Kyle, cugino di Caleb, che ha una cotta per lei, e dei tanti nemici che spuntano all’orizzonte, e che vogliono farle del male. Niente sarà più come prima. Ma adesso c’è qualcosa.. c’è qualcuno. Caleb. Lui è la sua anima gemella: è la parte di sé che ha perso, e che finalmente ha ritrovato. Con lui è tutto migliore. E quel profondo sentimento, quella intensa ed esclusiva connessione tra loro, li porta ad una nuova fase della loro vita. Una fase però molto pericolosa. La loro necessità di rimanere sempre vicini non fa altro che renderli vulnerabili.
La storia è molto carina, ben strutturata ma.. c’è qualcosa che non mi convinceva. Infatti non ho voluto commentare subito il libro, si dice che “la notte porta consiglio”, quindi c’ho dormito su. L’idea di partenza è stata molto buona (anime gemelle, l’impronta, i poteri ecc..) , a volte però mi ricordava la serie Lux, per la connessione tra i due protagonisti (e se vogliamo dirla tutta..le copertine originali hanno le immagini di Kat e Daemon..esatto Pepe e fidanzata.. mmmm), e mi si arricciava il naso: un urban fantasy già  deve confrontare con serie di questo genere, se poi me le ricorda, quando cerco in tutti i modi di non pensarci..uff! Comunque la storia è piacevole, è una storia d’amore dolce, ma troppo frettolosa.  Forse mi aspettavo che i protagonisti trovassero più ostacoli, è stato tutto troppo semplice, troppo permissivo, anche se dopo la metà del libro su questo fronte c’è una piccola svolta. Ma a volte è risultato troppo infantile, altre invece inverosimile, e questo mi distraeva un po’ dalla lettura. Apprezzato invece, è stato l’approccio a questa strana e romantica connessione tra le anime. Il libro è rivolto al pubblico adolescente, ed in questo caso ve lo consiglio e molto, per il resto.. posso dirvi che io continuerò a leggere sicuramente la serie, per vedere se il seguito è migliore, e dovrebbe esserlo. Incrociamo le dita, perché la serie è lunga ;) . Vi lascio con una frase “L’amore è paziente, è benigno l’Amore; L’Amore, non si vanta, non si gonfia.” -Cinzia







Love is red di Sophie Jaff


Nightsong trilogy

1. Love is Red

Autrice: Sophie Jaff

Casa Editrice: Bookme

Genere: Thriller/ Giallo







La sua prima arma è il sorriso: accattivante, irresistibile. Adocchia le sue vittime nei locali alla moda di New York e le seduce con studiata naturalezza. Le fa parlare, le osserva, offre loro da bere e alla fine riesce sempre a portarle là dove vuole arrivare. Già tre ragazze sono morte nell’ultimo mese, la pelle incisa da arcani solchi, e mentre le forze dell’ordine si affannano per trovare il più piccolo indizio, non c’è donna sola, in città, che non sia costretta a convivere con la paura. Quando, nel clima di angoscia scatenato dai misteriosi omicidi, Katherine incontra David per la prima volta, la chimica tra i due è immediata. David non è solo bello, è anche colto, garbato, pieno di attenzioni. Tutto il contrario di Sael, il suo migliore amico: freddo, scostante, eppure dotato di un fascino dall’intensità quasi elettrica. Prima ancora di accorgersene, Katherine si ritrova invischiata in un doppio gioco di seduzione dove niente e nessuno è quel che sembra. E mentre il conto delle vittime sale e l’intera città sprofonda nella psicosi, il cerchio di un destino dalle radici antichissime si stringe attorno a Katherine e ai due uomini che le confondono il cuore. Alla fine, la verità verrà a galla in tutta la sua sconcertante potenza, in un crescendo di colpi di scena dalla portata terrificante.



Ho scelto questo libro attirata dalla trama, pensavo fosse un bel giallo condito con una storia d’amore e non potevo non leggerlo. Abbiamo due pov, quello della protagonista e quello del serial killer. È lui il vero protagonista della storia, sono i suoi i capitoli più belli, i suoi i pensieri quelli più intensi che ti aprono una porta su un mondo particolare e affascinante. A ogni capitolo a lui dedicato si aggiunge un particolare, un indizio che ci condurrà a capire la sua vera identità. Diciamo che al terzo capitolo inizi a sospettare di una persona in particolare, e al settimo ne se quasi sicura. Gli ultimi capitoli mettono in dubbio le tue certezze, ma poi arrivata alla fine tutti i dubbi che hai avuti si riveleranno falsi, infatti la verità era quella che avevi intuito dall’inizio. E questa è stata la forza di questa storia, non ti dà mai tranquillità sulla sorte dei protagonisti, che è poi la chiave per il successo di un buon giallo. I protagonisti maschili hanno quel mix di sensualità e mistero, soprattutto Sael. La chimica tra lui e Katherine scatta subito, lei è attirata da lui e non può fare nulla per evitare questa attrazione se non cedervi. È sicuramente un bel thriller, con risvolti inaspettati, non tanto per l’identità del serial killer quanto per le motivazioni che lo spingono a uccidere. Katherine è una protagonista molto forte, non subisce passivamente quello che le accade, ma lotta per dare sicurezza alle persone a cui tiene. Essendo un primo volume di una trilogia si prende tutto il tempo di introdurti nella storia, e la lettura un po’ ne risente, la scrittura infatti è un po’ lenta ed è un po’ la pecca di questa storia. Altra pecca è il triangolo tra Sael, Katherine e David, viene sviluppato poco per dare più spazio ad altri temi. Solo che per come viene sviluppata la trama un approfondimento della storia tra d’amore ne avrebbe sicuramente giovato. Se decidete di leggerlo, preparatevi all’ennesimo finale lasciato in sospeso, in un certo senso la storyline principale viene chiusa, ma alcune vengono lasciate in sospeso e altre vengono aperte nell’ultimo capitolo.  -Valentina







Die for me di Amy Plum
  


Serie Revenants

1. Die for me

2. Until I die

3. RX Die for me

Autrice:  Amy Plum

Editore: De Agostini

Genere: Paranormal




Quando i genitori di Kate e Georgia muoiono in un incidente stradale, la vita delle due sorelle viene stravolta e le ragazze sono costrette a trasferirsi a Parigi dai nonni. L’unico modo che ha Kate per soffocare il dolore è rifugiarsi tra le pagine dei libri che ama di più. Fin quando non incontra Vincent.
Bello, misterioso e affascinante, Vincent scioglie a poco a poco il ghiaccio attorno al cuore di Kate che si innamora perdutamente di lui. Ma Vincent non è un ragazzo come gli altri: è un Revenant, un vero e proprio angelo custode, destinato a sacrificare la propria vita per salvare le anime in pericolo, e a risvegliarsi tre giorni dopo la morte, in un circolo senza fine.
Kate si ritrova quindi davanti a una scelta difficilissima: proteggere ciò che rimane della sua esistenza e della sua famiglia... oppure rischiare tutto per un amore impossibile?


Complimenti ad Amy Plum per l’equilibrio tra romance e paranormal: non ho sofferto la mancanza dell’uno o dell’altro. La nuova categoria di “esseri paranormali”, i Revenants, mi ha conquistata: ditemi come si fa a non amare qualcuno che offre la propria vita per salvare quella degli altri. Aspettavo il colpo di scena finale, trattandosi di una trilogia,ma non è accaduto,e se da una parte sono una fan del lieto fine, in questo caso mi ha lasciato perplessa (sarà perché tutte le serie di questo genere lasciano sempre sulle spine il lettore… mah!!). La storia tra Kate e Vincent è una delle più romantiche: tutta colpa di Parigi. Leggendo, pagina dopo pagina, sentivo l’odore della dolcezza, del romanticismo “di altri tempi”, con i suoi baciamano e la cavalleria: Vincent è il classico principe che non lascia nulla al caso. L’atmosfera parigina incanta il lettore: l’autrice descrive molto bene i luoghi, tanto da catapultarmi con la mente lì, mi trovavo seduta sulla panchina a guardare il quadro con Kate. Una piacevolissima esperienza. Il libro è scritto in modo molto chiaro, e proprio per questo preferisco non spiegarvi tutto sui Revenants (Vincent lo spiega molto meglio di quanto potrei fare io…). E poi l’ho letto tutto ad un fiato. Non è affatto noioso, l’azione c’è ma personalmente sono rimasta attratta, per tutto il tempo, da quel romanticismo che ogni singola parola regala. Una lettura piena di emozioni delicate. Ecco, “delicato” è il termine giusto per descrivere il libro. La Plum ha un tatto particolare nel raccontare la storia, e anche la parte paranormale ha una intensità emotiva, non so come spiegarvelo: il fatto di dare la propria vita per salvare gli altri, è già forte. Ma la costanza nel farlo, le conseguenze, rendono tutto più intenso. Il tutto è raccontato con una delicatezza che rende il libro adatto per gli adolescenti. Può leggerlo chiunque e “farlo proprio” . Leggendolo viene voglia di fare tutto con estrema lentezza, per assaporare ogni attimo e dare giusto peso ad ogni singolo gesto, perché anche se è vero che il tempo passa e bisogna sfruttarlo, è quel tempo che avremo più a disposizione. Quindi sfruttarlo si, ma farlo in modo da ricordarlo con piacere. Forse è più una lettura per ragazzi, ma devo dire che leggendo dietro le righe c’è molto di più, ed è questo che può interessare ai più “grandi”. Vi auguro,oltre ad una buona lettura, che possiate assaporare quel tocco di romanticismo che Kate e Vincent regalano. -Cinzia




2 commenti:

  1. Scusate, ma sapete per caso quando usciranno gli altri libri della Crane??

    RispondiElimina
  2. Lo vorrei sapere anche io visto che è passato quasi un anno dall'uscita del primo e poi devono solo tradurli sono troppo impaziente di leggere il seguito

    RispondiElimina

f
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...