giovedì 17 settembre 2015

La matematica del cuore di Denise Grover Swank, recensione

Ciao crazy,
oggi una doppia recensione per un libro molto carino che non tutte hanno ancora adocchiato, La Matematica del Cuore di Denise Grover Swank arrivato in Italia il 5 Agosto grazie ad un progetto di traduzione indipendente dell'autrice. Si tratta del primo romanzo auto-conclusivo della serie Fuori Tema composta da tre titoli ma vi garantiamo che questo primo libro si può leggere assolutamente da solo. Se amate quindi i new adult, le storie tra nerd e giocatori di football.. questo è il libro che fa per voi...








Serie Fuori Tema

1. La matematica del cuore, 5 agosto
2. Redesigned
3. Business as Usual

Autrice: Denise Grover Swank

Editore: Self americano

Genere: New adult






Il mondo di Scarlett Goodwin è diviso tra prima e dopo.
Prima che accettasse di aiutare Tucker Price, Scarlett era introversa, alle prese con l’ansia e determinata a non finire a vivere in una roulotte come la madre e la sorella più piccola. È iscritta a matematica, frequenta le lezioni, aiuta gli studenti in algebra e, quando non è all’università, rimane nascosta nell’appartamento che divide con la sua amica Caroline.
Dopo l’entrata in scena di Tucker Price, star della squadra di calcio della Southern University, la vita accuratamente pianificata di Scarlett esce dai binari. Tucker non passa un esame obbligatorio di algebra e, siccome corre il rischio di essere espulso dall’università, il rettore chiede a Scarlett di dargli lezioni private in cambio di un costoso programma informatico per il dipartimento di matematica. La reputazione di festaiolo e playboy di Tucker la porta però a diffidare di qualsiasi contatto, figurarsi passare diverse ore alla settimana gomito a gomito.
Eppure, fin dal primo incontro capisce che Tucker non è la persona che vedono gli altri. Porta con sé un sacco di segreti che secondo lei sono la chiave del suo comportamento autodistruttivo. Ma quanto più Scarlett scava a fondo nella sua storia, tanto più rimane risucchiata nel suo caos. Riuscirà a trovare la felicità che sta cercando o rimarrà intrappolata nel vortice di Tucker?


Pensiero di Cinzia

La Matematica del Cuore.. il titolo dovrebbe già dire tutto.
Ma andiamo per gradi.
Questa è la storia di Scarlett: una tipica secchiona.. almeno apparentemente. Apparentemente perché la Matematica è solo il suo tutto? Il suo riscatto? Il suo rifugio? Il suo modo di rilassarsi? Quello che è iniziato come un modo per fuggire dalle sue origini adesso è diventato la sua vita. Cosa c’è di più “certo” di un problema che ha una soluzione esatta, unica e sicura? Ogni operazione matematica porta ad un risultato ben preciso. La matematica non è come l’amore.. cosi imprevedibile e a volte senza soluzioni (o soluzioni non facilmente accettabili). Proprio per questo Scarlett si affida completamente a questa materia..
Ma ricordate la matematica? E ricordate le incognite? Spunta sempre qualche “x” in giro. E Scarlett non aveva previsto l’incognita Tucker. Lui è una di quelle “x” che sembrano semplici ma non lo sono.. è un’incognita molto, ma molto complessa.

Scarlett conoscendo il soggetto, tipico playboy spavaldo con il sorrisino da svenimento, ne resta alla larga. Ma c’è un attimo. Basta solo un attimo ed uno sguardo per mettere in discussione ciò che realmente è Tucker: è il ragazzo che tutti conoscono o è solo la facciata che nasconde quello che portano con se quegli occhi?
Scarlett lo scoprirà molto presto.. perché non le basterà ripetere a memoria le tabelle dei numeri primi o delle radici, perché alla “xTucker” se ne aggiungono altre.
Il destino vuole che Tucker abbia bisogno di un aiutino in matematica, e dato che Scarlett offre lezioni agli studenti bisognosi.. e che il dipartimento non ha che da guadagnarci aiutando il grande futuro campione..
La sua matematica entrerà in crisi..
Ma Tucker quando è con lei non sembra il Tucker che tutti conoscono: il ragazzo delle feste, a cui non importa nulla e nessuno, che ama gli eccessi e le ragazze, e l’alcol, un inconcludente, un irresponsabile, un ragazzo pericoloso. Lui sembra dolce.. protettivo.. affettuoso.. interessato a Scarlett, ma anche triste e disperato, sembra quasi che si trascini dietro cosi tanto dolore ma nello stesso tempo lo tenga stretto a se, comprimendolo.
La matematica a volte non può risolvere i problemi.. ma il cuore, lui sì che ha una matematica tutta sua.
Tutto sembra così giusto quando sono con te Scarlett. Posso essere me stesso. Ma è più di questo. Tu mi dai una cosa che non ho da tanto, se mai l'ho avuta. Mi dai un senso di pace. E' come se il caos disordinato dentro la mia testa riuscisse a placarsi, e io possa fermarmi con te. Come se non contasse nient'altro.

Questo è stato davvero un libro dolce, fatto di momenti che lasciano il sorriso sulle labbra. Scarlett e Tucker hanno un feeling cosi profondo, che riescono a comprendersi con il solo sguardo o dall’atteggiamento. Sono... così teneri insieme. Ma.. si, c’è sempre un ma!! Purtroppo per la Swank, questa è una storia già letta e riletta.. come  “Ricordati di sognare” della VanDyken  e “Ti aspettavo” della J.Lynn/Armentrout. Peccato.. però mi è piaciuta. Mi hanno conquistato soprattutto le parti riguardanti la matematica: ricordate il detto “la matematica non è un’opinione?” sarebbe tutto più semplice se la vita seguisse semplici regole matematiche.. ma in effetti è cosi, se non fosse che le maledette incognite sono una vera e propria rogna. Ma Scarlett e Tucker riusciranno a fare squadra, armandosi di matita e calcolatrice, e risolvere il loro grande problema? 






Pensiero di Alessandra

Come vi ha appena detto la nostra Cinzia non siamo di fronte ad una storia originalissima, ma questo non toglie il fatto che leggendo La Matematica del cuore prevalga la sensazione di appagamento e non quella di fastidio data dall'ennesimo libro "copia di". Siamo davanti ad un libro che rispetta uno per uno tutti i requisiti del classico new adult: Ambientazione collegiale e sportiva, incontro casuale dove uno dei protagonisti fa la parte dell'imbranato, iniziale pregiudizio nei confronti dell'altro, situazione imprevista che obbliga i protagonisti a vedersi per giorni, personaggi con alle spalle una vita non sempre facilissima e dulcis in fundo il magico momento in cui ci si rende conto che l'altro è diverso da quello che tutti pensano che sia!


Questi sono in poche parole gli elementi della storia di Tucker e Scarlett, una storia che ho cominciato a leggere con scetticismo ma che mi ha subito fatto ricredere rapendomi del tutto. Ho adorato il personaggio di Tucker che, per quanto agli occhi degli altri sembri il classico sbruffone pieno di se, campione di calcio, sex symbol della scuola e per niete interessato agli studi, a noi si fa conoscere subito come una persona sensibilissima bisognoso di tanto affetto sincero e disinteressato. La cosa più simile al bene che ha conosciuto in vita sua è solo strettamente legata a ciò che lui poteva dare in cambio -ovvero diventare un calciatore famoso-, questo lo fa sentire sfruttato e non desiderato per quello che è realmente e per le sue vere ambizioni, comincia così a costruirsi un personaggio che si discosta molto dal vero Tucker. E' per questo che quando Tucker conosce Scarlett  e si rende conto che lei riesce ad andare oltre la facciata che ha costruito con tanta cura, la sua impalcatura crolla mostrandosi poco a poco per quel che è veramente. Lui è attratto da questa ragazza apparentemente così algida e rigida, il cui hobby preferito è gettarsi a capofitto fra i numeri, numeri che sono per Scarlett la vera ancora di salvezza, l'unica cosa che riesce a calmarla, l'unica cosa che riesce a controllare. Ovviamente Tucker l'aiuterà ad uscire dal suo bozzolo, l'aiuterà ad affrontare le sue paure, così come lei cercherà di convincere lui di essere meritevole d'amore, tanto amore... impresa ardua!

"Mi infrangi ancora di più se ti volti e te ne vai"
Le sue labbra trovano le mie, esitanti all'inizio, come se avesse preso a cuore le mie parole e abbia paura che vada in frantumi se non fa piano. La sua lingua incanta lentamente le mia labbra prima di scoprire l'interno della mia bocca. E' lento e tenero a persuadere la mia lingua a unirsi alla sua.

Tirando le somme un libro gradevolissimo, dallo stile molto semplice ma coinvolgente, penalizzato forse da una mancata revisione della traduzione che presenta qualche errore -nulla di insopportabile per fortuna-.... insomma crazy se amate il genere andate a colpo sicuro La Matematica del cuore vi piacerà molto più della matematica a scuola, Assicurato!


PS. Grazie Samanta per avercelo consigliato.

Baci, Alessandra e Cinzia






4 commenti:

  1. Le vostre recensioni sono sempre precise e puntuali e non posso che trovarmi d'accordo con voi. La storia non è certo originale anzi..., ma l'autrice è riuscita a mantenere il racconto fresco e piacevole. I due protagonisti sono bisognosi di dare e ricevere amore che è impossibile non sentirli vicino al proprio cuore. Scarlett e Tucker sono l'ennesima dimostrazione di come per uscire dalle prigioni interiori spesso autoinflitte occorra lo sguardo di qualcuno capace di "vedere" il nostro più autentico io al di là dei muri e delle barriere che abbiamo innalzato per proteggerci.

    RispondiElimina
  2. Io l'ho letto tutto d'un fiato e devo dire che a me è piaciuto moolto, scorre bene e la scrittrice è riuscita a farmi appassionare subito ai protagonisti, probabilmente non avendo ancora letto i libri di cui parla Cinzia, l'ho apprezzato di più.
    e adesso vi domando...quando usciranno gli latri libri? lo sapete già??

    RispondiElimina
  3. Dopo questa recensione, ho acquistato il libro e non sono rimasta delusa. Può essere una storia in alcuni tratti giá letta, ma l'autrice mi ha conquistato con la storia di Tucker e Scarlett, con i loro segreti, le loro paure ma soprattutto il loro amore. Bravissima l'autrice

    RispondiElimina
  4. Concordo, molto molto gradevole !

    RispondiElimina

f
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...