lunedì 28 settembre 2015

Se non torni sto male di Mia Sheridan, recensione.

Ciao Crazy,
eccomi qui a parlarvi di  Se non torni sto male titolo con cui è approdata in Italia il 24 settembre Mia Sheridan grazie alla casa editrice Newton Compton. Si tratta del primo libro stand alone della Serie A sign of lovedove il tema conduttore fra un libro e l'altro è solo il parallelismo simbolico dei personaggi con i segni zodiacali. Facendo rifermento al titolo originale del primo libro, Leo, è facile intuire che inauguriamo la serie con il segno del Leone. Se non torni sto male è l'unica storia della serie inoltre ad avere dedicati due libri, infatti dopo Leo, narrato dalla protagonista femminile, presto potremo leggere anche Leo'chance che altri non è che il Pov maschile della storia. Chi ha già letto questo romanzo spero sarà d'accordo con me col ritenere che poter conoscere il punto di vista di Leo sarà davvero molto interessante e penso anche che ci troveremo una lettura che si discosterà parecchio da Se non torni sto male. Ma ora entriamo nel vivo della storia di Evie e Leo...








A Sign Of Love

1. Se non torni sto male 24 settembre
1.5 Leo's Chance, prossimamente
2. Stringer
3. Archer's Voice, prossimamente
4.1 Beacoming Calder
4.2 Feanding Eden 
Kyland

Autrice: Mia Sheridan
Casa editrice: Newton Compton
Genere: contemporary romance



Evie e Leo si sono incontrati all’orfanotrofio quando avevano dieci e undici anni e nel tempo sono diventati amici per la pelle. Man mano che sono cresciuti, il loro legame è diventato sempre più forte fino a trasformarsi in qualcosa di più vicino a una relazione sentimentale: si sono promessi amore eterno e una vita insieme una volta liberi di decidere del loro futuro. Quando Leo viene adottato e si trasferisce in un’altra città, promette a Evie che si terrà sempre in contatto con lei e che tornerà appena maggiorenne a riprenderla. Ma non si farà mai più sentire e per Evie la sua perdita sarà un dolore incontrollabile.
Otto anni dopo, a dispetto di ogni previsione, Evie si è costruita una vita abbastanza tranquilla con un lavoro e degli amici affettuosi. Un giorno, di punto in bianco, si presenta uno sconosciuto sostenendo che il suo amore a lungo perduto, Leo, l’ha mandato a cercarla. L’attrazione tra i due è immediata. Ma Evie è confusa… si può fidare delle parole di questo ragazzo mai visto prima? E che ruolo ha Leo in tutto questo e perché non è venuto lui stesso a cercarla?



Il mondo è un circo.
 Talora scegliamo il nostro numero, talvolta ce lo assegnano.


Attendendo pazientemente l'arrivo di Archer's Voice, appena è uscito Leo mi sono catapultata sulla lettura di Se non torni sto male per cominciare a conoscere Mia Sheridan della quale ho sentito solo commenti positivi. Diciamo pure che lo sbarco di questa autrice in Italia è stato richiesto a gran voce dalle lettrici, la sua bravura l'ha preceduta dall'altra parte del mondo fino in Italia e posso confermare dopo aver letto questa storia che gli elogi sono stati tutti meritati. E' indiscutibile infatti che Mia Sheridan abbia talento da vendere, uno stile molto coinvolgente e che la storia di Leo e Evie sia davvero pazzesca. Oggi però mi limiterò a darvi solo le mie impressioni del libro e non entrerò nel vivo della trama in quanto tutta la storia è costruita su un colpo di scena che è facilmente spoilerabile -e ad un certo punto del romanzo anche intuibile- quindi se amate gustarvi la storia senza spoiler alcuno penso che la trama ufficiale basti avanzi.
Inizio col dirvi che Se non torni sto male è una lettura che si beve in un niente, davvero molto scorrevole e così coinvolgente che le pagine si girano da sole. E' facile prendere in simpatia Evie, tutta la storia è narrata dal suo punto di vista e si presenta come una ragazza forte, determinata, che nonostante la vita non le abbia riservato tante gioie ha saputo dare un calcio al passato a beneficio di un presente rispettabile se pur nella sua normalità e mediocrità. Lei vive sola ma non è sola, perchè ha tre amici che la fanno sentire amata, le persone che la conoscono non possono che prenderla a cuore e riconoscere la sua bontà. Evie è soddisfatta delle cose che ha saputo realizzare da sola pur partendo da zero, si sente felice... fin quando non pensa a tutto ciò che si è lasciata alle spalle pur di andare avanti. Decisamente uno dei personaggi più belli che abbia incontrato, che lancia un messaggio positivo, che fa comprendere come anche un monolocale e un lavoro da cameriera possono essere dignitosi in un mondo dove il denaro e l'apparenza contano più di ogni altra cosa. 
La narrazione si alterna fra il presente, dove troviamo una Evie ventiduenne, e il passato di cui lei ci narra i quattro anni -dai dieci ai quattordici anni- quando ha vissuto in una casa in affido dove ha conosciuto e si è innamorata del suo Leo.

Attraverso questi toccanti, dolcissimi e a volte tristi spezzoni del passato conosciamo un Leo innamoratissimo: fin da subito ha costruito con Evie un rapporto di fiducia, molto protettivo, un rapporto che sembra essere indissolubile e che lo porta a promettere -nel momento in cui viene adottato- che per lui non ci sarebbe stata nessun'altra donna se non lei e che sarebbe tornato a prenderla quanto prima... ma poi sparisce nel nulla! Leo ha fatto una promessa che non ha mai mantenuto e ha deluso Evie che ancora aspetta il suo ritorno se pur ormai inconsciamente.
Il "passato" ha una narrazione davvero perfetta, emozionante e che tocca il cuore anche delle persone meno sensibili e si discosta molto da quella del "presente", purtroppo in senso negativo a mio avviso. Per quanto abbia apprezzato molto il libro nella sua complessività alcune caratteristiche della narrazione del presente le ho percepite come "troppo azzardate" per il tipo di storia. Se non torni sto male si è rivelato essere abbastanza hot e fin qui nulla di male ovviamente, ma giuro che non me l'aspettavo. Hot però non solo per la quantità di scene di sesso -che non sono poche- ma soprattutto per alcuni termini usati che a mio avviso hanno rotto la magia della storia con la loro volgarità, soprattutto perchè pronunciate in momenti che dovevano essere significativi, carichi di pathos e sentimento.
Ora non so se questo è dipeso dalla traduzione o se anche in inglese si evince lo stesso senso di disagio in alcune parti, ma sono certa che se in un erotico di un certo tipo posso accettare -e non sempre tollerare- alcune parole, in questo romanzo mi hanno disgustato. Ora non voglio far polemica su questo. Dopotutto nel suo insieme tolto questo piccolo neo che gli è costato mezzo punto, il libro fila liscio come l'olio. Infatti per quanto il colpo di scena chiave della storia sia intuibile già molto prima che balzi agli occhi di Evie non si perde assolutamente l'interesse per la lettura che rimane comunque piacevolissima e romantica senza essere però melensa. Ovviamente care crazy consiglio a tutte di leggere questo primo volume della serie A sign of love e vi invito poi a dirmi cosa ne pensate... e non dimenticate che ci aspetta il Pov di Leo che secondo me sarà sicuramente più emozionante. 

Un bacio, Ale







12 commenti:

  1. Delizioso.Lei meravigliosa e unica , lui dolcissimo e tormentato. Non solo sono d'accordo con te per i vocaboli ma anche per la assurdità di alcuni termini usati .Traduzione? Bastava comunque ( se fosse dipeso dall'originale) usare il buon senso e il buon gusto e , magari, prendersi qualche licenza nella trasposizione in italiano

    RispondiElimina
  2. Avevo già visto questo libro la copertina non mi affascinava molto , però devo dirti che dopo questa tua recensione sono molto curiosa di leggere sia Se non torni sto male che Leo's Chance

    RispondiElimina
  3. Ho appena finito di leggerlo!
    Che dire,non mi ha entusiasmato,mi pare un libro scritto in modo superficiale,tratta parecchi argomenti impegnativi ma con troppa leggerezza secondo me.
    Per quanto riguarda il linguaggio hot,in questo tipo di libro non lo trovo molto azzeccato,sopratutto messo in bocca a questi due personaggi un po' insipidi.
    Spesso mi pareva di leggere la lista della spesa: mi sono svegliata,mi sono lavata, mi sono vestita.....spero che i suoi prossimi libri siano migliori

    RispondiElimina
  4. Uno dei libri più insulsi che abbia mai letto. I personaggi hanno zero spessore,sembrano essere stati creati dalla penna di un adolescente. Si contraddistinguono per le loro peculiarità stereotipate,banali,superficiali,approssimate. Se ancora non si fosse capito,questo libro lo straboccio.Mi dispiace sempre commentare negativamente un libro,ma questo è davvero pessimo.

    RispondiElimina
  5. Mi aspettavo molto di più. Tutto troppo frettoloso. L'autrice avrebbe potuto fare di meglio perché comunque la trama è buona, ma mi ha delusa. Ho deciso di leggerlo perché su Goodreads Archer's Voice (che è il terzo della serie) ha un rating altissimo e mi aspetto un capolavoro. Spero sia migliorata, altrimenti sarebbe una vera delusione!

    RispondiElimina
  6. Evie e Leo sono i protagonisti di questa storia appassionante. La trama alterna la narrazione tra presente e passato che descrivono rispettivamente lo svilupparsi dl rapporto di Evie con Jake e con Leo. Devo dire che ho trovato molto più coinvolgenti le incursioni nel passato che riescono a trasmettere tutta la profondità del sentimento che ha unito Evie e Leo, mentre gli eventi del presenti sono presentati con una superficiale velocità spesso dominata dall’inopportuno e onnipresente “dirty talking” presente nelle numerose e forse ridondanti, rispetto allo svolgimento narrativo, scene di sesso.
    L’amore profondo, viscerale e incontrollabile tra Evie e Leo è quel filo rosso teso lungo tutta la narrazione che unendo presente e passato chiarisce scelte di vita e sentimenti dei due protagonisti.

    RispondiElimina
  7. La storia è interessante, ma scritta veramente male...peccato.

    RispondiElimina
  8. Mi incuriosiva questa autrice e ho scaricato direttamente suoi libri in inglese. Ha il merito di proporre delle situazioni diverse dal solito schema alla christian grey di uomo giovane d'affari e dominante. Sto leggendo il terzo capitolo, Stinger, dedicato al segno dello scorpione. Dico solo che il protagonista maschile di lavoro fa la porno star....che dire...brava Mia, non ci annoi...

    RispondiElimina
  9. bella storia d'amore e trama abbastanza carina.. pero'un po' frettoloso

    RispondiElimina
  10. bella storia d'amore e trama abbastanza carina.. pero'un po' frettoloso

    RispondiElimina
  11. Lettura piacevole e scorrevole.....carino !

    RispondiElimina
  12. Io starei male, ma sono PERUFFO COL CIUFFO! E sto alla grande!

    RispondiElimina

f
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...