sabato 12 luglio 2014

Dieci piccoli respiri di K.A. Tucker - recensione

Ciao a tutte Crazy,
oggi vi parlerò di Dieci piccoli respiri, primo romanzo della serie Ten Tiny Breaths ed esordio nel nostro Paese per l’autrice canadese K. A. Tucker, uscito il 10 luglio grazie alla Newton Compton. Questo è un titolo auto-conclusivo ma per informazioni più dettagliate sulla serie vi invito a cliccare qui.

Serie Ten tiny breath

0.5. In Her Wake
1. Dieci piccoli respiri - Ten tiny breath, 10 Luglio
2. One tiny lie
3. Four seconds to loose
4. Five ways to fall

Autore: K.A. Tucker

Editore: Newton Compton

Genere: New Adult



Kacey Cleary ha solo vent’anni quando la sua vita va in pezzi. Un terribile incidente automobilistico le porta via i genitori, il fidanzato e la sua migliore amica. Dopo quattro anni trascorsi a casa degli zii nel Michigan, Kacey decide di fuggire via per sempre. Una notte lei e sua sorella Livie prendono un autobus per Miami e lì, nonostante le difficoltà economiche, possono finalmente ricominciare a progettare una nuova vita. Kacey però non è ancora pronta a lasciarsi alle spalle il passato e stringere nuove amicizie, neppure se a chiederglielo è l’affascinante vicino, Trent Emerson, un enigmatico ragazzo dagli ipnotici occhi blu. Eppure Trent è deciso a far breccia nel suo cuore, e presto Kacey dovrà smettere di chiudersi a riccio e arrendersi al suo amore…

“Respira… dieci piccoli respiri… afferrali. Sentili. Amali.”

Questo è il mantra che accompagna la vita di Kacey Cleary, una ragazza a cui il destino ha tolto tutto e distrutto i sogni, lasciandole la responsabilità di una sorella minore e quell’incubo che torna puntuale ogni notte a tormentare i suoi sogni.
Kacey non è la classica protagonista femminile che si crogiola nel suo dolore. È tosta, una combattente, nel vero senso della parola. Sfoga nella kickboxing tutta la rabbia e le emozioni che le serrano il petto e che le rendono difficile anche solo arrivare ogni giorno alla fine di quei “dieci piccoli respiri”. Per la prima metà del libro, il sarcasmo e la sua lingua tagliente regalano quasi una sensazione di serenità, perché nonostante l’incidente che le ha strappato i suoi affetti più cari, la fuga rocambolesca dalla casa degli zii materni alla volta di Miami e le difficoltà economiche, l’ironia pungente di Kacey ci alleggerisce di quel peso che non è possibile non condividere con lei. Ma è quando compare Trent Emerson che tutto cambia. Il ragazzo della porta accanto, bello e sensuale da togliere il fiato con quegli occhi blu e quelle fossette irresistibili, rompe il già precario equilibrio di Kacey, travolgendola e confondendola con il suo carattere disarmante, che la porterà a fuggire in più di un’occasione.
Come è possibile che, dopo tutto quello che è successo, Kacey possa tornare ad amare ancora? Come è possibile lasciarsi alle spalle il passato? Trent sembra la persona giusta per curare il suo cuore ferito e riportarla alla luce, abbattendo i suoi muri, liberandola dagli incubi che la perseguitano ed insegnandole di nuovo a vivere. È un personaggio contraddittorio. Farebbe qualsiasi cosa per lei, per vederla sorridere, è gentile e appassionato, ma allo stesso tempo difficile da capire fino in fondo, e la sensazione che ci sia qualcosa di strano nel suo atteggiamento e nel suo modo di fuggire ti fa pensare “deve per forza esserci qualcosa che non va”. Ma non voglio togliervi il gusto della lettura, i misteri di Trent Emerson dovrete scoprirli da soli. Il libro si articola in 9 fasi (piacevole torpore, negazione, resistenza, accettazione, dipendenza, sindrome da astinenza, crollo, guarigione, perdono) durante le quali il cuore di ghiaccio di Kacey comincia a sciogliersi, permettendo di nuovo agli altri di avvicinarsi a lei, di toccarle le mani e l’anima, di accettare ciò che è successo, non senza dolorose complicazioni e ricadute. Perché la sindrome da stress post traumatico non colpisce solo i reduci di guerra, ma tutti coloro che sono in qualche modo sopravvissuti. La seconda parte del romanzo è quella più tosta da digerire. Dimenticate l’ironia che ha accompagnato le schermaglie fra Trent e Kacey, perché da qui in avanti non si scherza più. Tutto si fa complicato, il passato torna ad inseguire i nostri protagonisti e tutto sembra andare per il verso sbagliato. Ma alla fine le cose si risolvono e anche noi possiamo tirare finalmente un sospiro di sollievo.


L’esordio di K. A. Tucker sul mercato editoriale italiano è sicuramente un successo. Se dovessi trovare una parola per descrivere “Dieci piccoli respiri” sarebbe empatia, e non è una parola a caso. Soffrire e gioire con questi protagonisti sembra davvero inevitabile.

Alla prossima, Francesca.


Ascolta qui la playlist 



Bellissimo


Sexy

Se ti è piaciuta questa recensione clicca G+1

9 commenti:

  1. L'ho comprato subito e me ne
    sono innamorata bellissimo...ed emozionante e molto commovente



    RispondiElimina
  2. Un bellissimo libro... consiglio a tutti di leggerlo... adesso ho una nuova scrittrice da amare non vedo l'ora di leggere i prossimi libri di questa serie.
    Un bacio alle CRAZY

    RispondiElimina
  3. Mi sono iscritta da poco al blog anche se lo seguo già da un po' e leggo con attenzione le recensioni. In questo modo ho scoperto tante nuove scrittrici che non conoscevo e libri meravigliosi.
    Anche in questo caso è bastato un clic e adesso il libro è mio :) Ho una lunga lista di libri in attesa di essere letti ma probabilmente questa new entry scalzerà alcune posizioni ;)

    RispondiElimina
  4. Bellissimo libro, appena cominciato ho pensato che fosse sempre la stessa pappa, l'ho definito carino, Bellino ma alla fine e' stato bellissimo..il titolo e' proprio azzeccato, perche' man mano che leggi i 10 piccoli respiri li devi fare tu per riprenderti dalla moltitudine di emozioni che ti trasmette.

    RispondiElimina
  5. Empatico..era da tanto che non trovavo un libro che mi coinvolgesse capitolo dopo capitolo. .attendo gli altri!!

    RispondiElimina
  6. Letto tutto d'un fiato... mi è piaciuto da impazzire!!!

    RispondiElimina
  7. Bellissimo!letto in due giorni,come sempre se un libro mi prende!è stata una lettura scorrevole mi piace molto questa scrittrice e aspetto di leggere gli altri libri che spero vengano pubblicati presto!

    RispondiElimina
  8. grazie del consiglio, lo leggerò

    RispondiElimina
  9. Libro bellissimo molto commovente da leggere e perchè no da rileggere ..bella recensione.

    RispondiElimina

f
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...