mercoledì 3 settembre 2014

Mai per amore di Penelope Douglas - Recensione

Buongiorno ragazze,
oggi vi parlo di Mai per Amore di Penelope Douglas, il primo già amatissimo libro della Fall away Series uscito il 28 Agosto. Ormai il mercato offre una varietà di titoli new adult... ma questo è diverso da molti altri, perché è semplicemente indimenticabile... quindi non lasciatevelo scappare!


Fall Away Series


1. Mai per amore - Bully, Agosto 2014
1.5 Until you - Novella
2. Rival
3. Falling away

Autore: Penelope Douglas
Genere: Young/New Adult
Editore: Newton Compton



Un tempo Jared e Tate erano grandi amici: sono cresciuti insieme, si sono aiutati a vicenda nei momenti difficili. Ma, dopo un’estate che hanno trascorso lontani, Jared è cambiato. Il bambino dolce di una volta si è trasformato in un ragazzo difficile e astioso, sempre pronto a offendere e deridere Tate, a schernirla e a farla oggetto dei propri soprusi. A scuola le ha reso la vita un inferno, e Tate non sa più come difendersi: vorrebbe odiarlo eppure non ci riesce, perché sente che il suo vecchio amico ha sofferto, che questa sua prepotenza nasconde una profonda ferita. Deve scoprire il motivo della sua rabbia, raggiungere il suo cuore e carpire il segreto da cui lui ha deciso di tenerla all’oscuro…


E’ difficile spiegare la magia che rende un libro indimenticabile, e chi segue le mie recensioni sa che davvero una manciata di titoli hanno ricevuto tale giudizio, ma nel caso di Mai per Amore non ho la minima esitazione e non potrei fare altro ch definirlo assolutamente indimenticabile per le parole, gli avvenimenti, i personaggi, le emozioni intense… tutto in questo libro ha lasciato un segno nel mio cuore e si può dire che l’ho semplicemente adorato.
In primo luogo la perfezione  - si, dico davvero perfezione, perché per la prima volta non cambierei una virgola di quanto ho letto - di questo libro sta nei suoi protagonisti: Tate e Jared conducono un vero e proprio braccio di ferro “emotivo”, sfidandosi in continuazione in nome dell’amore e contemporaneamente dell’odio. L’odio è il tema principe di questo libro, che ci sorprende insegnandoci quanto questo possa essere usato, come l’amore, per legare una persona a se, per non perderla, per farle avere sempre un posto nella tua vita. Perché, del resto, non si può odiare senza amare.
Quindi l’odio di Jared per Tate è sempre stato forte, puro e fiero quanto il suo amore per lei. Ciò che rende questa storia indimenticabile è la purezza dell’amore dei personaggi che supera l’odio, la rabbia, il dolore: si può definire solo un grande amore, insopprimibile, indimenticabile.
Una storia così intensa ha dei protagonisti ovviamente altrettanto intensi ed egregiamente costruìti. Come in ogni libro davvero bello non ci può essere preferenza tra i due perché entrambi sono perfetti nei loro ruoli e nelle loro azioni. Ho adorato Tate: non si è mai piegata, non ha mai versato lacrime inutili, non si è mai abbandonata all’odio per Jared… ma soprattutto non si è mai trasformata a sua volta in carnefice. Ci sono stati momenti, infatti, in cui ho temuto che Tate perdesse la sua genuinità e purezza e si “abbandonasse” alla sfiducia verso il mondo, ferendo gli altri per non essere lei stessa ferita.

“Nessuno avrebbe potuto davvero ferirmi se io fossi stata in grado di fare lo stesso, giusto?”

Ma Tate trova la forza di perdonare, di fidarsi, ed è ancora una volta è l’amore a salvarla: perchè non smette mai, per anni di angherie, di amare Jared.
Non dimentica mai ciò che lui le ha donato nella loro giovane e intensa amicizia, non si arrende mai all’odio. E questo la rende per me un personaggio favoloso, totalmente positivo.
Jared… su di lui ci sarebbe da scrivere una recensione a se!  I suoi sentimenti, il suo amore non sono meno puri di quelli di Tate ma lui - in un momento di smarrimento, dolore ma soprattutto di bisogno d’amore - ha cercato di trasformali in qualcosa di diverso. Credendo di non avere un posto nelle vita di chi lo amava, o peggio di non esserne degno, ha combattuto per uno spazio nel cuore di Tate nell’unico modo possibile: l’odio. Ha sfogato la sua frustrazione, il suo senso di abbandono, la solitudine sull’unica persona che gli sarebbe rimasta accanto per sempre, nonostante i suoi comportamenti. Quando, ben presto, Jared si renderà conto che rischia davvero di perdere ciò che ha di più caro però non esiterà, con coraggio a cambiare, a mostrare finalmente la sua vulnerabilità.

“Ti amo più di quanto amo me stesso, più della mia stessa famiglia, per l’amore di Dio. Non voglio fare un altro passo in questo mondo se non ho te al mio fianco”

E dietro la sua armatura ritroveremo intatte la dolcezza e l’innocenza del suo amore proprio come quando aveva solo quattordici anni e fiducioso aveva regalato il suo cuore a Tate.
Concludo specificando che Mai per Amore, raccontato dal punto di vista di Tate è assolutamente autoconclusivo ma ci rivela il personaggio di Jared in modo più completo solo dopo la prima metà e per questo motivo Jared rimane per tantissimi aspetti ancora un mistero da scoprire.

E’ come se avessimo letto tutta la storia, ma seguito effettivamente il percorso di un solo personaggio e non della coppia. Per questo motivo è quanto mai necessario, per capire a fondo questo storia d’amore, leggere il Pov di Jared raccontato nella novella 1.5 Until You. La casa editrice non ha ancora confermato la pubblicazione in Italia di questo volume, ma sono convinta che non se lo lasceranno sfuggire.
Non perdetevi, per niente al mondo, questa storia d’amore indimenticabile.
E non perdetevi le tre scene tagliate, di cui due dal pov di Jared tradotte dal team, che trovate qui !
Un Abbraccio, Simona


Ascolta QUI la Playlist del libro


Indimenticabile  
Più che sexy

Se ti è piaciuta questa recensione, clicca su g+1 ! Grazie!

20 commenti:

  1. Quanto ho amato questo romanzo... intenso, coinvolgente.... Ogni pagina era come una calamita e non riuscivo a smettere... l'amore/odio fra Tate e Jared ti arriva dritto al cuore e ti lascia un infinità di emozioni. Ho sospirato infinite volte e non vedo l'ora di leggere il pov di Jared perchè c'è ancora tanto da scoprire e amare... bellissima recensione
    Veronica Biancoblù

    RispondiElimina
  2. anche io ho amato questo romanzo..mi ha fatto battere il cuore...

    RispondiElimina
  3. Bellissimo davvero.. indimenticabile l'ho amato in tutto e per tutto...il POV di Jared sarà un libro col botto ... purtroppo non leggo in inglese quindi posso solo sperare che venga pubblicato anche qui da noi.

    RispondiElimina
  4. ancheva me e' piaciuto tanto, mi ha ricordato un po' uno splendido disastro...e' stata un'altalena di emozioni, dolcezza, adrenalina, lacrime e sorrisi...

    RispondiElimina
  5. Mi spiace dover essere (a quanto pare) l'unica voce fuori dal coro. Esprimo il mio umilissimo parere nel rispetto di quante, al contrario, hanno trovato questa lettura così coinvolgente e brillante. Eviterò spoiler e riferimenti specifici. Parto dai protagonisti: il romanzo si apre con un un rapporto fra loro decisamente teso e rovinato. Lui odia lei: non si sa perchè, non si sa da quando, non si hanno neanche indizi al riguardo (penso: WOW chissà che cosa potrà mai essere successo). Lei subisce passivamente le angherie detestabili di lui, contando i giorni che la separano dal suo viaggio in Francia in modo da allontanarsene e cambiare ambiente (penso: se addirittura sceglie di partire e, per di più, senza neanche prima avere un confronto con lui, significa che sa perchè Jared si comporta così. La cosa mi intriga ancora di più). BOH. Lei torna dopo 1 anno intero all'estero (tralasciamo che di questo anno non si fa NESSUN accenno. Niente... cosa ha provato a stare via, che esperienza è stata per lei, quali sono i suoi sentimenti al rientro... spero abbia almeno goduto di una baguette lungo la Senna, le ci voleva una vacanza). BOH. Le cose fra loro non migliorano. Lui continua a comportarsi da s****o senza apparente motivo (se non quello che sia sceso dalla parte sbagliata del letto). Lei continua a subire, accennando piccole reazioni da "sono-una-tipa-tosta-ora-ti-faccio-vedere", per poi pentirsene il capitolo dopo perchè "io-non-mi-abbasso-a-questi-livelli". Il romanzo procede così sino a 3/4 e io lettrice sono ancora all'oscuro del perchè lui odi lei e si comporti così e soprattutto, comincio a credere che manco Tate lo sappia (!!!). Cioè: il tuo amico d'infanzia di punto in bianco ti tratta da appestata, ti umilia pubblicamente, ti fa vivere l'inferno... e tu non ti domandi neanche perchè? O.o Non insisti per avere spiegazioni? O.o Non ti sforzi di trovare il modo giusto per arrivare a lui? O.o
    Personaggi secondari: da dove iniziare?...
    - c'è il tirapiedi di lui (l'ho soprannominato Spugna, il mozzo di capitan Uncino. Fa quello che gli viene ordinato senza discutere mai e quando prende le iniziative sono del tutto insensate (chiede a Tate di andare al ballo con lui... scena surreale... soprattutto perchè alla fine ci vanno... tutti insieme.... x'D).
    - c'è l'amica di lei (definirla amica è grottesco visto quello che fa (...) a pensarci mi viene l'orticaria. Scherziamo? Sfido chiunque a tenersi vicino gente così... Per la cronaca, l'ho soprannominata Valerie, ve la ricordate la tipa "simpaticissima" di Beverly Hills?)
    - c'è il figo della scuola (superficiale e banale. Si interessa e disinteressa di lei più velocemente di quanto io ci impieghi a cambiare un rotolo di carta igienica)
    - papà e nonna di lei, mamma di lui, papà di lui, ... ma sti qua sono nominati dall'autrice solo per rassicurarci che Tate e Jared siano umani e non portati da cicogne? Grazie Penelope, perchè altrimenti giuro che, per il modo assurdo in cui si comportano, avrei potuto anche pensare fossero alieni.
    Mi fermo qui... Le ragioni dietro il comportamento di Jared erano valide a giustificarlo e renderlo (parzialmente) plausibile, ma il modo effimero ed approssimativo con cui sono state spiegate e come sono state esposte le hanno rese davvero inconsistenti. In più, buttarle lì solo nelle ultime pagine come a dire: "Ecco qui, cara lettrice, finalmente l'arcano è svelato" non mi sta per niente bene se 1) non è una cosa davvero sconvolgente che non mi aspetto 2) se poi non ti lasci lo spazio per approfondirmi la cosa.
    Mi scuso se qualcuna si sentirà offesa/turbata/infastidita da queste parole, ma a mia difesa va detto che nutrivo altissime aspettative verso questo libro e la delusione, per me cocente, è ancora troppo fresca.
    Scusate il papiro, mi sono fatta un po' prendere ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è piaciuto, però devo dire che solo leggendo il pov di Jared (Until you) diventa tutto un po' più comprensibile,vengono colmate le lacune di Mai per amore,ne è un esempio KC..comunque mi hai fatto morire dalle risate, Spugna è azzeccatissimo!!!

      Elimina
    2. No vabbé.. non potevi esprimerti in modo migliore. CONCORDO!!
      Pensavo di essere l'unica ha cui non è piaciuto. Ho proprio odiato i personaggi, mentre leggevo pensavo "dai, migliorerà, vai avanti" e invece no, non finiva più!! Si salva giusto negli ultimi capitoli. Di sicuro non lo rileggerò.

      Elimina
    3. Anche io ci sono rimasta malissimo leggendo questo romanzo ......scritto in maniera banale e non coinvolgente soprattutto perché avevo molte evidentemente troppe aspettative. ...

      Elimina
  6. Wow, questo sì che è un commento! In primo luogo non ti scusare per le tue parole, perché ognuno ha il diritto di esprimere la sua opinione con educazione come hai fatto tu.
    Su alcuni punti delle tue obiezioni sono d'accordo: sull'amica K.C. (che anche per me era imperdonabile) e sul fatto che la spiegazione del comportamento di Jared sia stata approssimativa. E' per questo che ho scritto che per me è come aver letto "la metà" di una storia, ma devo ancora sapere il resto ovvero una spiegazione un po' più ampia delle motivazioni di lui. Non sono d'accordo invece su altri punti: ad esempio avevo già capito che lei non sapeva cosa effettivamente fosse successo tra loro e non mi è sembrata una cosa non credibile, visto che lui era stato via nella famosa estate da cui poi è uscito sconvolto. Non mi interessava particolarmente neanche sapere dell'anno all'estero di Tate, che non aggiunge nulla all'economia della storia, quindi non ho sofferto la mancanza di informazioni su quest'aspetto e infine, anche la virtuale assenza dei genitori non mi ha disturbata anche perché spesso la figura dei genitori che in qualche modo "rovinano" la vita dei protagonisti è un espediente abusato in tantissimi new adult quindi che la storia venisse gestita solo tra gli effettivi protagonisti mi ha fatto piacere. Speriamo comunque che i prossimi volumi della serie, se deciderai di leggerli, non ti deludano ancora :)
    Simona

    RispondiElimina
  7. Ho letto questo libro in una notte ,bellissimo,e sono d'accordo sul fatto che manca una meta' di romanzo...manca la visione di Jared le sue motivazioni speriamo esca presto....Laura

    RispondiElimina
  8. Grazie per la comprensione :)) vi seguo da un po' e sono convinta che commentare una lettura confrontandosi con altri sia un'attività molto formativa.
    Confesso: sono esigente (mea culpa) e se prendo un libro sul naso, poco indulgente (mea gransissima culpa).
    Credo di aver risentito troppo il fatto che, come hai sottolineato nella recensione, manchi davvero qualcosa. Ma non è solo questo.Lasciamo perdere che ci sarà il libro B, POV - Jared. Da lettrice, mi aspetto sempre che un libro, pur facendo parte di una serie, viva comunque di vita propria! Quindi assegno un giudizio singolo, come quello pretende d'essere.

    Parliamo di Tate: che "amica" è stata per Jared?!
    - Dopo una sola estate torna sconvolto e radicalmente cambiato. Perchè non insisti per sapere cosa gli è successo? Ho un CAP1 - "un anno prima" e un CAP2 - "al giorno d'oggi". Fra l'uno e l'altro avrebbero dovuto esserci pagine in cui si parlava, almeno, di qualche approccio di Tate in tal senso. Vai in Francia. Che t'aspetti di trovare a distanza di 1 anno passato all'estero lontana da lui?
    A) Speri che i rapporti si siano magicamente aggiustati da soli (!) Da piccola, quando il Joystick non funzionava, lo lasciavo a riposo 5 min, perchè ero convinta si sistemasse da solo, giuro! :D).
    B) Speri che lui faccia l'indifferente e non ti prenda più in giro. Peggio ancora, significa che t'interessa davvero poco... Eh infatti subito dopo riconosce che questa possibilità può farle ancora più male.

    - Lui continua imperterrito. E io sto ancora aspettando che Tate si svegli dal sonno in cui è caduta manco le avessero iniettato endovena un sonnifero per elefanti. ERA IL MOMENTO BUONO PER UNA SVOLTA CHE NON C'è STATA e a questo punto mi chiedo: ci sei cresciuta insieme, come puoi non accorgerti del disagio e della sofferenza che nasconde dietro ai suoi dispetti e alla sue cattiverie?
    Le cose sono 2: o non lo hai mai conosciuto davvero neanche quando eravate piccoli; o sei troppo concentrata su te stessa per renderti conto che i problemi possono averli anche gli altri e non ruota tutto intorno a te.
    Segnalo la sua incursione fugace in camera di lui che si conclude 3 min. dopo avvinghiati su un comodino (...) e scatole contenti la soluzione del mistero che giacciono su un letto a mezzo metro di distanza. CLAP CLAP CLAP Tate, una cosa positiva c'è: se i tuoi neuroni fanno cilecca, i tuoi ormoni vanno proprio alla grande!!! :D :D :D

    RispondiElimina
  9. Neyla ..accidenti ma quanto domande ti fai leggendo un libro capisco che sei esigente ..in tutte le storie troviamo i personaggi che non ci piacciono e dei frammenti di storia tralasciati ..con i POV alternativi la storia è più completa ..aspetta di leggere il pov di Jared magari li trovi tutte le risposte alle tue perplessità ...per me rimane un libro coinvolgente nonostante tutto ..e spero che il POV di Jared arrivi da noi così da leggere la storia in tutte due i sensi.

    RispondiElimina
  10. (^.^)" è vero, mi spiace. Spero di non aver esagerato. Il fatto stesso che questo libro abbia scatenato una reazione così veemente suggerisce che, in un modo o nell'altro, abbia coinvolto anche me. Del resto, l'ho letto in meno di 3 gg.... qualcosa significherà! Le pagine scorrevano e la scrittura era abbastanza fluida e lineare (leggere qualcosa scritto bene, al di là del contenuto in sè, fa volare il tempo). Se mi faccio delle domande (troppe? Pardon) è perchè mi piace cogliere quanti più aspetti possibili di una storia. Mi piace andare a fondo e approfondire.
    In tutta sincerità, ho dato sfogo alle mie perplessità per soddisfare una curiosità. Volevo capire cosa avesse fatto così presa sulle opinioni positive che hanno prevalso. Ripeto, cerco un confronto non uno scontro :)) lo faccio nel pieno rispetto dell'altrui parere.
    Non so se leggerò il libro di Jared. Mi indispettisce dover leggere il Libro B per colmare le lacune del Libro A (...anche perchè ritroverò la stessa Tate, le sue parole e il suo comportamento infantile...) SECONDO ME, Il libro B ha senso se aggiunge qualcosa in più alla storia principale, non se deve esserne il suo completamento altrimenti, a quel punto, sarebbe stato meglio se l'autrice avesse direttamente alternato i POV nello stesso volume!!!
    Ci tengo a precisare che non è una cosa che reputo valida in assoluto, tant'è che, per fare un esempio, ho adorato "Ti aspettavo" by J. Lynn. e ho addirittura amato "Ti fidi di me" ♥... ma questa è un'altra storia (in tutti i sensi) x'D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho letto "Mai per amore" qualche giorno fa ma sentivo che mancava qualcosa, mi era piaciuto molto ma non ero convinta di alcune cose, volevo sapere per forza la versione dei fatti pov Jared ..per questo ho deciso di leggere il secondo in lingua originale..Devo dire che rivivere tutta la storia dal suo punto di vista è stata tutta un'altra cosa, si comprendono e si scoprono tante cose in più..quindi sono d'accordo con te sul fatto che ogni libro dovrebbe vivere di vita propria però da una parte è stato bello leggere questo libro venendo a conoscenza anche di nuove informazioni che nel primo non c'erano..perciò ti consiglio assolutamente di leggerlo quando uscirà..leggere il secondo mi ha fatto apprezzare anche di più il primo, e magari succederà così anche a te!:)

      Elimina
  11. Allora..è da tanto che volevo commentare questo libro, ma ho rimandato spesso perchè ne sono rimasta incantata. L'ho letto una prima volta: due vecchi amici d'infanzia che crescono insieme, credono nella loro amicizia e pensano che niente possa rompere quel legame. Ma la vita non è cosi. Lui parte, torna distrutto (ma non è ancora cambiato) vorrebbe aggrapparsi a lei, ma lei è li che non lo vede..e lui decide di cambiare, lei non era pronta ad accoglierlo?bene lei pagherà! ed è cosi per tutto il tempo fino a quando lei non parte. Nonostante tutte le critiche che possono essere mosse nei confronti del libro è bene focalizzarsi in modo semplice su Jared e Tate: loro si amano,si sono sempre amati..e sappiamo bene che l'amore può farti toccare il cielo con un dito e può sotterrarti sotto km di terra..Lui ha perso la fiducia in tutti (colpa della sua famiglia..e se non può fidarsi delle persone che hanno il dovere di amarlo,può farlo con gli altri?) quindi al minimo gesto lui si chiude e la elimina dal suo cuore.L'adolescenza è sempre uno strazio! Bene, a questo punto lui cosa può fare?è colmo di rabbia e dolore e non può aggrapparsi a lei,come fare per averla vicina ma non troppo? Condividendo la rabbia, il dolore, la delusione facendogliela provare sulla sua pelle. Lei non si attiva (e qui noi tutte ci chiediamo il perchè, però ricordiamoci che è sempre un' adolescente e che è tutto improvviso,lui da un momento all'altro la cancella, e lei rimane interdetta e poi si abitua alla nuova situazione). Con la partenza di lei,lui crolla..non può condividere più ciò che prova con nessuno..(qui Until You colma il vuoto rivelandoci cosa fa Jared e da chi viene aiutato). Lei torna e tutto si mette in moto..Ripeto Until You spazza via alcuni dubbi, soprattutto quello che succede/non succede tra Jared e KC..ma anche perchè lei è la sua lanterna. Ciò che manca è il viaggio in Francia,grande mancanza da parte dell'autrice,neanche un accenno in nessuno dei due libri,un peccato..Per il resto,ho riletto più volte il libro partendo dal monologo, ed anche qui Until you ci fa capire il perchè degli occhi rossi di Jared, e più volte ho letto le scene da entrambi i libri per metterle a confronto..
    Bene io ho adorato questo libro,è entrato nella mia top10,il rapporto odio/amore tra i protagonisti mi è piaciuto molto.Che dire?lo consiglio.. ;)

    RispondiElimina
  12. e proprio un bellissimo libroooo

    RispondiElimina
  13. Thank you for the review!! I was able to translate, and I'm so thrilled the book is able to to reach so many :)

    RispondiElimina
  14. Si sanno le date dell'uscite degli altri due e del Pov? grazie <3

    RispondiElimina
  15. Quanto ho amato il libro *-* uno dei miei preferiti!

    RispondiElimina
  16. Adoro la Douglas. Mai per amore è uno dei miei libri preferiti. Lo rileggo sempre volentieri, non mi stanco mai di leggerlo. Lo consiglio a tutti, è davvero una storia che vi farà emozionare.

    RispondiElimina

f
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...