giovedì 14 luglio 2016

Dark Blue di C.J. Roberts: la Captive series ad agosto in Italia!

Buongiorno Crazy,
Dark Blue, sarà il titolo italiano di  Captive in the dark di C.J. Roberts, primo nella serie The Dark Duet  e arriverà in Italia pubblicato dalla Newton Compton il 17 agosto!
La serie inizialmente prevedeva solamente due titoli, Captive in  the Dark e Seduced in the dark ai quali però si è aggiunto un terzo, “The Dark Epilogue”. Questo è un lavoro auto pubblicato dell’autrice statunitense, un romanzo provocatorio che ha scatenato molte polemiche per i temi trattati, decisamente dark, ma che vi posso garantire è impossibile da mettere giù una volta cominciato. Noi ve ne avevamo già parlato per la rubrica i più attesi quindi venite a conoscere Caleb, uno dei personaggi più controversi e discussi di cui si possa leggere, e la sua mente perversa nella recensione senza spoiler di Michela.




The Dark Duet

1. Dark Blue, 17 agosto
2. Seduced in the Dark
3. Epilogue
3.5 Determined to Obey

Autore: C.J. Roberts
Casa editrice:  Newton Compton
Genere: Dark Romance

Caleb è un uomo con un singolare interesse per la vendetta. Rapito da ragazzino e venduto come schiavo da un potente criminale, i suoi pensieri ruotano interamente intorno alla vendetta. Per dodici anni si è immerso nel mondo degli schiavi del piacere alla ricerca dell’unico uomo che ritiene responsabile. Finalmente, l’architetto delle sue sofferenze è emerso con una nuova identità, ma non una nuova natura. Se Caleb deve avvicinarsi abbastanza da farlo cadere in trappola, deve diventare l’unica cosa che aborrisce e rapire una splendida ragazza da addestrare a diventare ciò che lui è stato una volta. La diciottenne Olivia Ruiz si è appena svegliata in un posto strano. Bendata e legata, c’è solo una calma voce maschile a darle il benvenuto. Il suo nome è Caleb, anche se lui le ordina di chiamarlo padrone. Olivia è giovane, bellissima e testarda. Ha una sensualità oscura che non può essere nascosta o negata, nonostante lei cerchi di farlo.Nonostante sia spaventata dall’uomo forte, sadistico e arrogante che la tiene prigioniera, ciò che tiene sveglia Olivia nell’oscurità è la spiacevole attrazione che prova per lui.


Questa è una storia intensa, una storia che sicuramente non piacerà a tutti, difficile da digerire e ancora più difficile da comprendere e da accettare. E’ una storia sul potere della manipolazione, mette in discussione tutto ciò di cui siamo certi, tutto ciò che diamo per scontato. E’ possibile privare un essere umano della sua umanità? E’ possibile distruggere la volontà di una persona, per poi ricostruirla a nostra immagine e somiglianza? In questo romanzo la linea tra carnefice e vittima è sfocata, anche quando i ruoli sembrano definiti. Caleb non è una persona, è  un involucro di carne, un bellissimo involucro di carne, alimentato solamente dall'odio e dalla vendetta; non è un cattivo ragazzo, semplicemente è stato spezzato irreversibilmente da un infanzia priva di amore e spensieratezza, dominata dalla violenza, dagli abusi e dalle torture fisiche e psicologiche, non ha mai conosciuto sentimenti positivi come l’amore, la gentilezza  o la compassione.
 E’ come se i suoi circuiti mentali fossero stati modificati ed invertiti per sempre, rendendolo una macchina efficiente capace di infliggere pena e sofferenza. Il suo unico obbiettivo, tutto ciò che lo anima, è la fedeltà verso l’uomo che lo ha salvato dal posto infernale in cui si trovava e il desiderio di attuare la vendetta contro il nemico che hanno in comune. E per farlo, Caleb ha bisogno di uno strumento. Una donna, una donna innocente e bellissima, qualcuno in grado di essere addestrato all’obbedienza, qualcuno da spezzare nel corpo e nell’anima e da riprogrammare alla perfezione. Livvie. Giovane, splendida, proveniente da una famiglia umile e povera, una famiglia numerosa e problematica. Livvie è una ragazza repressa, affamata di libertà e di amore, che ha devolto la sua vita al compito di compiacere una madre troppo severa che l’ha da sempre incolpata di tutte le disgrazie della famiglia, che l’ha da sempre biasimata per la sua bellezza e il suo spirito fiero. Livvie desidera disperatamente qualcuno che la protegga e che l’apprezzi così come è. E Caleb mette gli occhi su Livvie. Capisce che è lo “strumento” perfetto per il suo piano, capisce che è il mezzo che potrà insinuarsi nelle difese del suo nemico ed annientarlo dall’interno.E così Caleb rapisce Livvie.
Ci sono situazioni estreme, fuori dal comune, in cui la mente umana lavora in maniera inaspettata e incomprensile. 

Le personalità di Caleb e Livvie si scontrano, l’impatto è inaspettato e potente come lo scoppio di una bomba: Caleb inizia a provare sentimenti a lui sconosciuti, sentimenti inaspettati che per la prima volta nella sua giovane vita gli fanno dimenticare il suo obbiettivo di vendetta, gli fanno dubitare profondamente ogni suo gesto e mettono in discussione tutto. Contro ogni aspettativa, Livvie non riesce ad odiare il suo carnefice, nonostante in lei ribolla la voglia di fuggire dalla sua prigione e riappropriarsi della sua vita, sebbene Caleb la stia preparando ad un futuro perverso e inumano, le sue attenzioni e il suo particolare modo di prendersi cura di lei è quanto di più simile all’amore lei abbia mai conosciuto. Il confine tra giusto e sbagliato, tra odio e amore, tra vittima e carnefice, sbiadisce davanti agli occhi ad ogni pagina, fino al finale che si interrompe in maniera fluida, ma lasciando tutto in sospeso.

Captive in the Dark mi è piaciuto molto, i personaggi sono ben costruiti ma si intende che verranno descritti meglio nel libro successivo; c’è un aria di  mistero generale che tiene con il fiato sospeso e che stimola la curiosità fino al punto di farti divorare il libro per apprendere sempre di più, e si costruisce dentro di te la speranza della redenzione, il sogno immortale che i sentimenti puri e veri come l’amore e la compassione possano curare e redimire anche l’anima più buia; la trama è coinvolgente e intrigante anche se c’è molto da dover essere ancora spiegato e scoperto. 


Ciò che ho amato di più è stato sicuramente lo stile dell’autrice: raramente mi capita di incappare in qualcuno così talentuoso, la scrittura è raffinata e di alto livello, il ritmo super incalzante ti cattura fin da subito e le descrizioni introspettive dei personaggi sono assolutamente perfette. I temi trattati sono opinabili e discutibili, sicuramente non per tutti, il libro è crudo nonostante mantenga un’eleganza sopraffina persino nelle descrizioni delle scene più degradanti, è un cammino psicologico nella psiche deviata di due anime oscure che però, incontrandosi, iniziano a rischiararsi a vicenda, seppur nella maniera più non convenzionale possibile. E’ assolutamente necessario leggere il seguito e l’epilogo per togliersi finalmente un peso dal cuore e conoscere le sori dei nostri protagonisti!

Un abbraccio a tutti,  Michela.

12 commenti:

  1. la recensione è molto bella e stimolante. non se questo mondo però aveva necessità dell'ennesimo dannato che prevarica l'innocente di turno ..... so che è un'opera di fantazia ma forse vista la tanta sofferenza che ci circonda, abbiamo bisogno di leggere libri leggeri, che ci fanno ridere e non tenere il fiato sospeso fino alla prossima scena... ci penserò. comnunque come al solito, grazie crazy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono assolutamente daccordo con te! basta con libri leggeri.. storie mielose, lui maschio Alfa lei sottomessa per natura... ormai nè abbiamo abbastanza.. mi sembra spesso di leggere gli stessi identici libri ; cambiano nomi, il luogo ma la trama è sempre la stessa. Io ambisco a romanzi un po' più originali in cui c'è un minimo di suspence.. leggere continue scene di sesso alla fine stanca..sappiate che non sono riuscita a finire la trilogia di 50 sfumature .. solo il primo mi ha entusiasmata ma poi tutto è ridicolarmente scemato.. su un minimo di realismo. Anche la stessa Letizietto si è soffermato su questo genere di romanzi dove alla fine i protagonisti non fanno altro che far sesso..Signore dobbiamo elevarci con storie che siano originali, realistiche, cruenti perchè no fa parte della natura umana, ma sopratutto cerco nei romanzi protagonisti o antagonisti forti capaci di trasmettere emozioni.. A proposito leggete Tu non esisti di Kiara Olsen.. qui chi racconta è il carnefice non la vittima... ciao a presto Vanda

      Elimina
  2. io sono sadica e psicotatica, ahahha, quindi spero arrivi in Italia. Amo i belli e dannati

    RispondiElimina
  3. spero tanto che non passino anni per leggere in italiano questo romanzo .. perchè in Italia tardano ad arrivare i dark romance?? aspetto con ansia i romanzi di pepper winters, raw di aurora belle e adesso anche questo...ah cmq volevo segnalarvi un romanzo che secondo me merita Una brava ragazza di Mary Kubica... Ciao a presto !

    RispondiElimina
  4. Tra la lista dei "più attesi", ho letto che arriverà in Italia.
    Si sa quando e con quale casa editrice?

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Non si sa quale casa editrice lo ha acquistato?

    RispondiElimina
  7. Il titolo per quanto ne sappiamo al momento non è stato acquistato da CE italiane, quindi non è in pubblicazione in Italia!

    RispondiElimina
  8. Bellissima recensione! Quando lo pubblicheranno? Io amo il genere Dark!

    RispondiElimina
  9. Bellissima recensione! Quando lo pubblicheranno? Io amo il genere Dark!

    RispondiElimina
  10. Bello Quando lo pubblicheranno? ci sono novita' grazie

    RispondiElimina
  11. finalmente per noi ignorantone che non sappiamo leggere in ingleseeeeee

    RispondiElimina

f
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...