venerdì 22 agosto 2014

Il Cliente di Maria Masella, recensione

Care Crazy,
oggi vi parlerò de Il Cliente di Maria Masella uno fra i tanti racconti che Rizzoli ha pubblicato il 24 luglio con la collana You feel, in questo caso mi sono fatta attrarre da uno dei romanzi relativi al mood erotico.. Un bel romance dai tratti rossi, come la passione, e giallo, come il mistero.
  


Titolo: Il Cliente

Autrice: Maria Masella

Editore: Rizzoli

Data di pubblicazione: 23 luglio 2014 solo ebook

Genere: Romanzo rosa




 Lei è la sua guardia del corpo, lui il cliente

“Il cliente ha sempre ragione” e “Mai mischiare lavoro e piacere” sono le regole dell’Agenzia Barrat. Julie le conosce bene, è una bodyguard abituata ad affrontare ogni tipo di situazione, anche la più complicata. Questa volta però è davvero difficile. Il cliente da proteggere è il famoso e affascinante scrittore Marc Molland: per seguirlo da vicino senza destare sospetti, Julie veste i panni della sua fidanzata. Un ruolo difficile e ricco di insidie, dove il confine tra relazione professionale e reale attrazione fisica rischia di confondersi. E la convivenza forzata, naturalmente, non facilita la situazione. Così, complice l’autunno parigino, i due finiscono a letto. Da quel momento nulla è più lo stesso. E tra pericoli, tradimenti e colpi di scena Julie e Marc scopriranno di non poter fare più a meno l’uno dell’altra. Un'irresistibile miscela di passione, intrighi e avventura, un romanzo eccitante e coinvolgente.
 
Julie è una guardia del corpo. Al momento si ritrova a doversi fingere una donna che non è lei. Una donna che non le assomiglia né di fisionomia né di stile di vita. Una donna che è stata minacciata di morte e che per volere del suo fidanzato, Marc Mollard, in accordo col capo di Julie, Monsieur Barrat, direttore dell'agenzia che si occupa della sicurezza dell'impresa di Mollard, è stata nascosta in un luogo segreto e sicuro, sorvegliata da altri agenti di Barrat. La missione lavorativa di Julie è di   essere non solo l'esca, ma anche la guardia dl corpo di Mollard, e dovrà comportarsi come se fosse la sua vera compagna. L'unica pecca è che Marc oltre ad essere ricco, bello ed intelligente è superlativamente attraente e per quest'ultimo suo aspetto Julie ne è profondamente turbata. Ma anche se si ripete più volte che è solo lavoro, c'è qualcosa in lui che l'attira e l'affascina. Pensa sovente a come può essere il sesso con lui e dopo il bacio, di scena, ma molto passionale, che hanno dovuto scambiarsi in pubblico, durante un ricevimento, la voglia di appartenere a lui, di essere sua, anche solo una volta è irrefrenabile. Anche a Mollard non sfugge l'attrazione che prova nei confronti di Julie. La vera Julie. Anche se totalmente differente dalla sua Patricia. Colpa del dover stare vicini forzatamente, come se i due fossero veri innamorati, si ritroveranno a scontrarsi con l'inevitabile passione che arde tra di loro. Riuscirà Julie a scindere il privato dal lavoro? Sarà in grado di difendere e salvare la persona minacciata?

Non importa se si è sotto l'ombrellone o in riva al mare, sull'amaca in giardino o sul divano di casa, ad un certo punto della lettura un sottofondo musicale si diffonde dapprima nella tua testa, poi fin sotto pelle e un dolce, carismatico, sensuale suono, qual'è La vie en rose, ti rapisce e ti trascina con sé, trasportandoti in quel di Parigi, romantica, un po' pericolosa, ma decisamente passionale. Ed è la passione la protagonista principale qui. Passione rossa, infuocata, improvvisa, ma che arde e fa bruciare qualsiasi logica razionale dando scampo solamente a due anime che si appartengono e che, ancora per poco, inconsapevolmente si amano. Se tutto ciò è stato possibile è merito della bravura dell'autrice. Colpevole la sua mano se non sono riuscita a razionalizzare le mie emozioni, con il suo stile mi ha fatto provare un groviglio di sentimenti. Una storia fresca, solare, leggiadra, che si legge con scorrevolezza. Ti fa innamorare dei suoi protagonisti e ti permette di sognare l'amore, quello travolgente, quello che quando si presenta non riesci più a farne a meno e che non ti permette di essere te stessa, ma ti travolge nel suo vortice, senza ritorno! E allora si. Decisamente si. Ci voleva questa nuova ventata tinta di rosa e di rosso nella stagione degli amori, della spensieratezza e dell'allegria. Un periodo dove tutto è permesso... Anche in una breve lettura.

Un bacio, Noemi.  







Se ti è piaciuto questo post clicca G+1



1 commento:

  1. grazie per la bella recensione! maria masella

    RispondiElimina

f
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...