lunedì 31 ottobre 2016

Tutto il tempo del mondo di Sara Purpura, recensione in anteprima

Care Crazy,
Oggi siamo qui per parlarvi del ritorno di un'amata autrice nostrana. Con Tutto il tempo del mondo, Sara Purpura inaugura la sua nuova trilogia new adult, che vi farà battere il cuore, tra gioie e dolori, dalla prima all’ultima pagina.
Eccovi la trama e la recensione a seguire, se cercate un po’ di dramma in mille sfumature e personaggi complicati, che più complicati di così non si può, allora siete incappate nel libro giusto.

Tutto il tempo del
mondo Titolo: Tutto il tempo del mondo
Autore: Sara Purpura

Serie: #1 A time for love trilogy
Editore:
Self publishing
Data: 31 ottobre 2016
Genere: New adult
Categoria: Drama
Narrazione: prima persona, pov doppio
Finale: Si cliffhanger
Coppia: Anais, cheerleader oppressa dalle aspettative dei genitori; Desmond, ragazzo problematico affidato alla famiglia di Anais.


San Diego. California.
Quando Desmond Ward viene dato in affido ai Kerper, non riesce a nascondere la sua rabbia. È l’ennesimo tentativo da parte del sistema di trovargli una casa e sa che presto, memore delle volte precedenti, verrà rimandato al mittente come un pacco non gradito. Tuttavia, abitare con quella famiglia facoltosa potrebbe significare diventare un giocatore professionista di football, ma la sua voglia di riscatto si scontra con l’attrazione per Anais Kerper, colei che con molta probabilità diventerà sua sorella.
Anais lo calma, gli fa sentire di meritare qualcosa, di essere giusto e per la prima volta amato. Des, invece, sembra essere l’unico a capirla veramente. Non importa se le sta vicino mentre riversa l’anima sul fondo di un WC, o mentre finge che la sua vita sia perfetta, dopo essersi tagliata perché non lo è affatto.
Lui la guarda, vedendola davvero, ed è quello a cui Anais si aggrappa per combattere il dolore.
Per loro è proibito volersi, lo sanno entrambi, eppure si cercano, si scontrano per poi capire di essere affini e sentirsi pericolosamente vicini.
Riusciranno due anime sole a guardare oltre se stesse?
Due ragazzi feriti impareranno che non c’è vincolo in grado di impedire a un altro di diventare indelebile.
Non ci sono muri oltre i quali nascondersi, se il cuore suona un battito nuovo. Basta solo ascoltarlo e convincersi di meritarlo.


 Ci sono persone che se le incontri
il mondo acquista un colore nuovo.
E poi ci sono quelle
che portano il nero, solo nero.
Nero come la pece che copre tutto.

Volete che vi descriva questo libro con una sola parola? Devastante. Io non sono solita leggere libri troppo drammatici, principalmente perché amo ridere mentre leggo, forse molti di voi avranno letto libri più tragici, ma per me questo è stato distruttivo. E non c’entra solo l’enorme cliffhanger che mi ha lasciato col fiato sospeso per chissà quanto. È stato tutto un insieme di cose. Ma andiamo per ordine.
Anais è una ragazza che, a occhi esterni, sembra avere tutto. È la ragazza più popolare della scuola, nonché capo delle cheerleader, ha una relazione stabile col quarterback della squadra di football della scuola e una famiglia benestante alle spalle. Insomma, una vita perfetta. Ma la sua vita è come il ritratto di Dorian Gray: esternamente perfetta, ma all’interno è tutta un’altra storia. Anais è infelice. I suoi genitori nutrono aspettative pressanti su di lei, non sa cosa vuol dire avere genitori che amano incondizionatamente i propri figli. Genitori che rispettano le loro scelte. Sedare il dolore che cova dentro può portare a soluzioni deleterie. Si è sempre convinta di essere sola, un’isola sperduta in mezzo a un oceano di gente che non vede al di là del proprio naso. Questo finché non è arrivato Desmond Ward, un ragazzo che i suoi genitori hanno deciso di adottare. 
Quando Desmond arriva a casa Kerper non nutre troppe speranze sulla buona riuscita di quell’anno di affido, è passato troppe volte da una casa all’altra, cogliendo solo il peggio di ogni singola esperienza, per essere ottimista. Ma dovrà solo resistere fino al compimento dei diciotto anni, dopodiché sarà finalmente maggiorenne e fuori dal sistema. Ma l’incontro con Anais Kerper sarà un fulmine a ciel sereno. Dal primo momento in cui i loro sguardi si incrociano, i loro cuori si sono riconoscono. Anime gemelle.
Mi piacerebbe potervi dire che entrambi riescono a riesumare il passato e a liberarsi dei propri demoni e assicurarvi il finale “e vissero per sempre felici e contenti” … ma sarebbe una bugia.
Leggendo questo libro, ho avvertito l’angoscia della protagonista, intrappolata in una vita che non ha mai voluto, che le sta stretta e dalla quale non vede via d’uscita – io l’ho odiata così tanto che a un certo punto ho sperato morisse – ho avvertito la rabbia di Desmond per un destino crudele che non fa altro che prenderlo a sassate senza lasciargli un po’ di pace, ho sentito con ogni fibra di me stessa come l’amore può rendere due anime perse finalmente libere e come basti un nonnulla per distruggere tutto.
Ad ogni rigo che leggevo degli ultimi capitoli, sentivo il mio povero cuoricino accartocciarsi su sé stesso, come se sentissi il dolore e la rabbia di questi due ragazzi sfortunati.
Sara Purpura, come sempre, sa regalare emozioni con l’intensità di una supernova, facendovi sentire parte dei suoi romanzi: piangerete, vi dispererete e sicuramente farete congetture. La mia ultima domanda dopo aver chiuso il mio Kindle è stata: come diamine farà a sistemare questa baraonda?
Non mi resta che sperare che il seguito arrivi presto o il mio fegato non reggerà a lungo l’agonia. Mi raccomando, per salvaguardarvi, armatevi di maalox.

Un bacione,
Sissy


1 commento:

  1. veramente un bel libro,commovente, appassionante e ti fa sicuramente riflettere su alcune problematiche molto attuali... aspetto con ansia il seguito!!

    RispondiElimina

f
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...