giovedì 9 marzo 2017

Pretendimi di Geneva Lee, recensione

Buon giorno bimbe,
Pretendimi di Geneva Lee è il libro di cui vi parlo oggi. Si tratta del primo capitolo di una nuova serie erotic romance dal sapore molto particolare, infatti dopo innumerevoli principi azzurri figurati stavolta il protagonista maschile è un principe vero, e non un principe qualsiasi.. si tratta di Alexander di Cambridge, principe ereditario della corona inglese. L'autrice gli affianca la figura di Clara Bishop, giovane angloamericana di famiglia facoltosa ma senza una goccia di sangue blu. Ora, sappiamo bene quanto sia formale e rigido il mondo della monarchia inglese anche nella realtà, immaginatevi quindi come potrà mai essere accolta dalla famiglia reale davvero agghiacciante che è stata pensata in questa storia una giovane americana borghese, senza contare che Alexander è decisamente un principe piuttosto particolare, che già ha avuto problemi col padre e che si porta dentro un mondo fatto di tenebra e dolore. Per quanto la storia di Clara e Alexander potrebbe sembrarvi già sentita, fatte le dovute proporzioni, ha un suo fascino irresistibile e sono certa vi catturerà come ha fatto con me. Siete pronte a partire per Londra e a conoscere un principe più nero che azzurro? Allora venite con me, andiamo!

Pretendimi Titolo: Pretendimi
Autore:
Geneva Lee
Serie: #1 Royal saga
Editore:
Mondadori (Extra Passion)
Data: 4 marzo
Genere: erotic romance
Categoria: D\s
Narrazione: prima persona, pov femminile
Finale: Si cliffhanger
Coppia: Clara, giovane neolaureata borghese; Alexander, principe di Cambridge erede al trono della corona inglese.

QUI SERIE


Clara Bishop si è appena laureata in scienze sociali nella prestigiosissima università di Cambridge e ora si trova ad una festa in un uno dei club più esclusivi del campus. Anglo-americana e borghese di buona famiglia facoltosa, non è serena perché sente il peso delle aspettative dei genitori e si porta dentro un demone oscuro, quello dei disturbi alimentari, che stenta a tenere a freno e che la divora fin dall'adolescenza. Alla festa incontra un affascinante e misterioso sconosciuto, che però a lei sembra vagamente familiare, il quale all'improvviso e senza tanti convenevoli, la bacia appassionatamente lasciandola stordita e piena di domande. Passano solo un paio di giorni e Clara scopre perché lo sconosciuto le sembrava tanto familiare: la sua faccia è su tutti i giornali, anzi la foto del bacio che ha ricevuto è su tutti i giornali perché l'affascinante sconosciuto è nientemeno che Alexander di Cambridge, figlio di re Albert e erede al trono della corona d'Inghilterra. Non solo, Alexander la contatta, vuole rivederla, vuole frequentarla, e Clara non riesce a dirgli di no pur sapendo che una relazione con lui è una follia. Si ritrova infatti ben presto stritolata dalla mostruosa macchina infernale del gossip made in England, senza più un attimo di privacy nè un segreto che possa sperare di far rimanere tale e non è che il  mondo dorato dell'aristocrazia britannica sia molto meglio, la famiglia e gli amici di lui sono di una cattiveria allucinante e la ricoprono di acidi commenti e velati insulti. Ma Alexander è irresistibile, la attrae con il suo fascino misterioso, la intriga con i suoi mille segreti, con le sue reticenze, e sebbene l'abbia ampiamente messa in guardia, Clara non può che arrendersi al suo incredibile sex appeal, alla sua indole da dominatore, e così facendo rischia di perdere molto di più della semplice reputazione, mette a repentaglio l'integrità del suo cuore, perché Alexander è un uomo oscuro che sembra incapace di amare e che potrebbe ridurla in pezzi.



Mie care Crazy, che piacevole e inaspettata sorpresa è stato questo libro per me, ero convinta che fosse il solito erotico trito e ritrito con il maschione Alfa dominatore e la femminuccia sottomessa incapace di dirgli di no e invece è saltato fuori un signor libro, con una storia che nonostante i tanti richiami alle serie uscite in questi anni e le tante similitudini con protagonisti come Christian Grey o Gideon Cross (sto facendo due nomi grossi, lo so, ma leggendolo troverete un po' di Grey e un po' di Asso in Alexander, vedrete) non da mai l'idea di essere una scopiazzatura, ha qualcosa che la rende originale a suo modo, ha un pathos e una fluidità narrativa che ti rende davvero difficile mollare la lettura, anzi praticamente impossibile. Pretendimi ha quel qualcosa in più che alcuni libri hanno che ti affascina, che ti cattura, e anche se francamente ci sono situazioni che sono decisamente già lette, non ti importa, lo accetti, perché il contesto generale ti ha già catturato e certi dettagli non importano più. Una delle ragioni del particolare appeal di questo libro è di certo l'ottimo stile di scrittura dell'autrice, senza fronzoli introspettivi, sempre centrato sul momento che la voce narrante sta vivendo, semplice e diretto, davvero piacevole da leggere.
Un'altra ragione è Clara, la protagonista femminile, che è solo in apparenza fragile e sottomessa, in realtà è forte e determinata e ci dimostrerà di avere le classiche e metaforiche palle nel finale del libro, che è ovviamente sospeso, anche perché, sinceramente, tre libri con la stessa coppia, si può pensare che non ci sia cliffhanger? È un po' difficile, non credete? Clara, comunque, è una protagonista che si fa amare, che suscita empatia: ha i suoi segreti, combatte i suoi demoni e lo fa con una dignità rara in questo genere di libri, sono curiosa di vedere come evolverà il suo personaggio nel proseguo della storia. Ma il vero asso nella manica di Pretendimi è Sua Altezza Reale, il principe più nero che azzurro, Alexander di Cambridge: tenebroso, oscuro, combattuto e instabile, ha però una carica erotica impressionante, è sesso che cammina, un felino pericoloso, un predatore esperto e audace con un anima fosca e misteriosa  che lo rende praticamente irresistibile. Era da molto tempo che non mi imbattevo in un personaggio maschile così forte, così potente, mi ha letteralmente imbambolato e mi sono bevuta la sua storia in un giorno o poco più senza riuscire a staccarmi, affascinata e rapita come solo Gideon Cross era riuscito a fare con me.
E in effetti Alexander ricorda molto Asso per svariati aspetti, ma non ne è una brutta copia, forse è più la sua evoluzione aristocratica, un po' Cross un po' Christian Grey, 50 sfumature in salsa Windsor, dominatore oscuro e uomo incapace di trattenere i suoi istinti nei confronti della donna che ama a dispetto persino di se stesso. Questo personaggio maschile così imponente, unito ad una protagonista remissiva ma mai davvero sottomessa, raccontato da una penna sensibile e capace, riesce a dare vita a scene di sesso dal fortissimo impatto emotivo, audaci ed erotiche, a volte un po' ridondanti ma tra le migliori lette nell'ultimo periodo, sincere e coinvolgenti.
Insomma, mie care Crazy, sono rimasta piacevolmente sorpresa da questo libro che vi consiglio caldamente nonostante il cliffhanger finale perché è davvero un bel libro, scritto molto bene, scorrevole e intenso, e il finale ti strappa il cuore.. non vedo l'ora di leggere il seguito, tra quattro mesi, e vedere come continuerà e si evolverà la storia tra la bella borghese e l'oscuro principe, sono curiosissima.

A presto, Zia D.





Pretendimi

5 commenti:

  1. dopo una recensione come questa come si fa a non intraprendere questa lettura? Decisamente superlativa...bravissima Zia D. considerato poi che sono innamorata pazza di Grey e Cross...mi fiondo su questa nuova storia sperando di innamorarmi anche del bel principe...wowwwww

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le tue belle parole, fammi sapere se Alexander ha colpito anche te come ha colpito me.
      A presto.
      Zia D.

      Elimina
    2. io l'ho letto e mi è piaciuto molto come a te

      Elimina
  2. Si sa già quando pubblicheranno il seguito?

    RispondiElimina
  3. voglio immediatamente il seguitooo. sono innamorata persa di Alexander. in alcuni punti mi sono anche commossa. Bellissima storia

    RispondiElimina

f
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...