venerdì 13 novembre 2015

The Stongest Steel di Scarlett Cole, recensione. I più attesi.

Ciao Crazy,
quest’oggi vi parlo di The Stongest Steel, primo libro della serie The Second Circle Tattoo di Scarlett Cole, pubblicato a luglio oltreoceano e ancora inedito in Italia. Ogni libro della serie è autoconclusivo, ma il secondo racconterà la storia di Cujo e Drea che sono presenti in questo libro. Detto ciò, andiamo scoprire la storia di Harper e Trent…

Titolo: The strongest steel
Autore: Scarlett Cole
Serie: #1 The Secon circle tattoo
Editore: St. Martin's Press
Data: 7 Luglio 2015
Genere: Contemporary romantic suspense
Categoria: seconde possibilità
Narrazione: pov alternato
Finale: No cliffhanger - Autoconclusivo
Coppia: Trent, tatuatore - Harpey, barista con un passato  travagliato




Harper Connelly non si sarebbe mai aspettata di ritrovarsi fuori ad un negozio di tatuaggi all’una di notte, richiamando a sé tutto il coraggio per riprendersi il suo passato. Lei è decisa a dimenticare la sua vecchia vita e sta cercando un artista che sappia tatuare sopra le cicatrici sulla sua schiena.
Trent Andrews, leggenda locale e proprietario dello studio di tatuaggi The Second Circle, ha le sue ragioni per essersi specializzato nel tatuare sulle cicatrici. E nonostante il suo misterioso passato e la strada difficile davanti, si rende conto rapidamente che Harper è divertente, intelligente, e - sotto il suo abbigliamento ridicolmente sovradimensionato e la protezione solare 100 – totalmente hot.
Lui è felice di raccogliere la sfida di disegnare un tatuaggio significativo e assolutamente fantastico per lei. Ma quando dei messaggi criptici iniziano a comparire sul telefono di Harper, consegne strane arrivano alla sua porta, e il The Second Circle viene vandalizzato, Harper è convinta che il suo ex-fidanzato l'ha rintracciata, e peggio ancora, che lui conosca Trent. Scappare è stata l'unica cosa che l’ha salvata l’ultima volta, ma ora che ha cominciato a mettere radici a Miami, deve decidere se è pronta a combattere e restare.



Harper, la protagonista, porta un grosso peso addosso, letteralmente. Perché sulla sua schiena c’è impresso il ricordo di un' orribile notte, una cicatrice e non una semplice cicatrice bensì una scritta, che le ricorda costantemente quello che le è accaduto. Con l’intenzione di dimenticare e con una grossa dose di coraggio si reca da Trent, il proprietario del Second Circle Tattoos, specializzato nel tatuare sopra le cicatrici. Nonostante il peso che si porta dietro, la sua insicurezza e il suo trauma, tra lei e Trent scatta subito una forte attrazione. Trent capisce da subito che la ragazza ha subìto qualcosa di orribile e quando Harper gli mostra la sua schiena, Trent non può fare altro che restare a bocca aperta; di sicuro, nella sua vita non aveva mai visto nulla del genere e dopo aver analizzato le cicatrici, e dopo aver capito parte della storia di Harper decide di accettare gli tatuargli la schiena e di aiutare la ragazza a superare parte del trauma.
Dopo qualche difficoltà iniziale, i due iniziando frequentarsi. Ma quello spiraglio di felicità non dura molto perchè Harper inizia a ricevere degli strani sms. Trent è molto preso di lei. Lei d’altro canto è ancora un po’ restia a lasciarsi completamente andare… col suo ex che sta per uscire di galera e quegli strani sms, non può ancora vivere e andare avanti felicemente, ma sta provando ad essere felice con Trent. Col passare dei giorni i messaggi diventano sempre di più e ormai Harper non ha dubbi, può solo essere Nathan, il suo ex. Decide così di iniziare a prendere lezioni di autodifesa.


Con questi pensieri e con i “regali” inquietanti di Nathan che gli arrivano a casa, non riesce proprio a vivere felicemente, anche perchè non può ancora dire tutto a Trent del suo passato. Il suo vero nome, dove abitava… non può lasciarsi andare come vorrebbe. Per motivi meno “importanti” anche Trent le sta nascondendo qualcosa. Ma il peggio deve ancora venire. Grazie alle sue abilità al computer Nathan riesce a trovare Harper, ma questa volta Harper è più forte e più preparata e riesce a fronteggiarlo. Ma tutto è bene quel che finisce bene?
Il libro inizia con Harper, questa ragazza impaurita che si spaventa anche della sua stessa ombra, che è stanca di guardarsi allo specchio e ricordare tutto di quella notte e decide di farsi un tatuaggio per coprire i ricordi. Quando Harper incontra Trent qualcosa cambia, quando lei gli mostra la sua schiena e lui le chiede il permesso di poterla toccare, Harper prova subito un senso di protezione nel sentire quel tocco sulla sua pelle. Quando Trent l’abbraccia, Harper sa che nulla sarà più lo stesso. Perchè dopo quell’abbraccio la sua mente va sempre a lui. Dopo tanto tempo inizia a provare di nuovo qualcosa. Una delle cose che ho adorato di questo libro è l’immensa attenzione che Trent riserva ad Harper, quella gentilezza quando le parla e quando la tocca e quell’infinita pazienza, durante le sessioni per il tatuaggio. Posso di certo dire che il personaggio migliore del libro è Harper. Un personaggio forte che si è prefissato un obiettivo, quello di essere felice, e ha lottato, anche se con qualche problema, per ottenere quello che vuole, quello che si merita.


Per quanto riguarda la storia, non posso dire che mi abbia conquistata. Ho trovato alcuni discorsi dispersivi. I presupposti per un bel libro c’erano tutti, la trama in sé non è sviluppata al meglio. La storia è raccontata in terza persona, c’è un’alternanza dei punti di vista che però sono mischiati. Dal punto di vista di Harper si passa a quello di Trent e più volte sono dovuta ritornare indietro e rileggere la parte per capire quale pov stessi leggendo; in più mi sono dovuta fermare varie volte perchè non è molto scorrevole.
In conclusione, consiglio a chiunque voglia leggere questo libro di non aspettarsi nulla di super emozionante, ma tutto sommato è una lettura piacevole. 

Baci, Veronique




1 commento:

f
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...