martedì 11 aprile 2017

Un uragano all'improvviso di Lauren Rowe, recensione

Buon giorno bimbe,
Un uragano all'improvviso di Lauren Rowe è il libro di cui vi parlo oggi. Si tratta del settimo ed ultimo capitolo della serie The Club, e in particolare il terzo che ci racconta la storia di Josh Faraday e Kat Morgan. Avendo letto di loro davvero da troppo poco tempo non sto a rispiegarvi tutto, solo che sono il fratello gemello di Jonas Faraday e la migliore amica di Sarah Cruz, che sono i protagonisti dei primi quattro libri della serie. Li abbiamo lasciati un po' in sospeso alla fine di Un bacio all'improvviso, il libro precedente della serie: Josh che ha combinato un disastro per colpa delle sue paure e della difficiltà a credere nei sentimenti e Kat delusa e amareggiata che oltre a tutto il resto fa una scoperta sconvolgente. Ora li ritroviamo e andremo a leggere come cercheranno di ritrovare la serenità e vedremo come si concluderà la loro storia. Preparatevi a un finale col botto, allora.. pronte a partire di nuovo verso Seattle per vedere i fuochi d'artificio?

Un incontro all'improvviso Titolo: Un uragano all'improvviso
Autore:
Lauren Rowe
Serie: #57 The club
Editore:
Newton Compton
Data: 8 aprile 2017
Genere: contemporary romance
Categoria: guerra tra sessi  - erotic
Narrazione: prima persona, pov alternati
Finale: No cliffhanger
Coppia: Kat, bionda esplosiva esperta in pubbliche relazioni; Josh, giovane imprenditore e incallito playboy.
QUI SERIE



Attenzione! Spoiler Allert. 
Se non avete letto Un bacio all'improvviso non leggete la recensione

Accidenti in che disasto abbiamo lasciato Josh e Kat alla fine del libro precedente! Josh, incapace di capire i sentimenti che prova e terrorizzato dal suo passato e da tutto quello che si porta dietro per colpa della sua storia personale ha combinato un guaio grosso: non ha detto a Kat che si sta trasferendo a Seattle e lei la prende davvero male, perché è come se lui non si fidasse, se non la ritenesse adeguata, e qui emergono i fantasmi di lei, che nel passato ha sofferto per mancanza di fiducia e stima da parte dei suoi uomini. Kat e Josh litigano malamente e lei gli chiede tempo per pensare al loro rapporto ma appena rientrata a casa scopre di essere incinta. Ecco, li ritroviamo a questo punto, Kat che non sa come fare a dire a Josh di aspettare un bambino da lui e lui che non sa come farsi perdonare. Si riavvicineranno, complice involontario uno dei fratelli di Kat che ha un incidente, ma quando Kat rivela a Josh del bambino, lui ha una reazione degna di un vero deficiente: prima stravolto le chiede se è sicura che il bambino sia suo (e già questo..) poi, posseduto temporaneamente e contemporaneamente dallo spirito di suo padre (che noi sappiamo non essere stato proprio un modello di equilibrio mentale e sani principi genitoriali) e da quello di Mister Darcy di Austeniana memoria, le fa una proposta di matrimonio che sembra tale e quale la prima che Darcy fa ad Elisabeth in Orgoglio e pregiudizio, quella a cui Elisabeth risponde "nemmeno se fossi l'ultimo uomo sulla faccia della terra". E anche Kat, da grande amante di film e libri romantici qual'è, le da la stessa identica risposta, mandandolo al diavolo senza neanche passare dal via.

Come tutte le ragazze, Kat vorrebbe essere amata e non chiede altro al suo uomo, a lei non interessano soldi o posizione sociale, lei vuole la favola, ma Josh le propone di sposarsi solo per il bambino, e non perché lo voglia davvero, e soprattutto glielo propone come se le stesse facendo un favore e lei giustamente rifiuta. E ora? Con il matrimonio di Jonas e Sarah alle porte e l'inizio della loro nuova avventura da imprenditori, Josh non avrebbe tempo per ripensare agli errori commessi e rimediare, ma invece non riesce a fare altro, devastato dalla paura di aver perso la donna che si rende conto finalmente di amare. E adesso? Come riavvicinarla? Come farle capire che è un coglione? E soprattutto come chiederle di sposarlo senza farsi rispondere di nuovo di no?
Mie care Crazy, siamo giunte alla fine anche di questa lunga serie e della storia di Josh e Kat, che, devo dire, mi è piaciuta un po' meno di quella di Jonas e Sarah, per quanto comunque piacevole e spensierata. Mi è piaciuta di meno perché, almeno nella prima parte, vive all'ombra delle vicende capitate nella serie precedente e non è altro che un incessante susseguirsi di scene di sesso sfrenato e esageratamente disinibito, francamente fine a se stesso, e discussioni altrettanto incessanti tra i due che se non fanno sesso litigano e non fanno molto altro. Poi però, quando finalmente Josh e Kat si sganciano dal filone narrativo della storia di Jonas e Sarah e cominciano a vivere la loro storia da soli la qualità del racconto ne guadagna assolutamente e questo ultimo capitolo è decisamente il miglior libro dei tre, almeno come trama.
Certamente da questo capitolo Josh esce vincitore alla fine, ma all'inizio il suo personaggio rischia di annegare in un mare di pregiudizi e paure e deve diventare veramente straordinario per riuscire a farsi perdonare sia da Kat che dalle lettrici. La nostra Allegra festaiola avrebbe almeno la scusante degli ormoni della gravidanza se facesse stupidaggini, ma non ne ha bisogno, perché stavolta ne esce davvero bene, non si svende, non getta i suoi sogni alle ortiche, resiste e persevera, e otterrà la sua favola, e la proposta di matrimonio più bizzarra, casinista, originale e fantasiosa che abbiate mai letto. Ecco, quella è davvero la parte migliore del libro e vale la pena di leggerlo anche solo per quello, ma vale la pena leggerlo anche per vedere la trasformazione di Josh, la sua uscita dal tunnel della stupidità, la sua rinascita, e per assitere a ben due cerimonie di matrimonio (udite udite!). Altra cosa che mi è piaciuta molto è la grande famiglia Morgan, i genitori e i fratelli di Kat: spettacolari Thomas e Louise, ma favolosi soprattutto i loro quattro figli maschi, tutti potenzialmente possibili protagonisti di altrettanti libri romance, e infatti, la Rowe ha già scritto e pubblicato un libro spin off, dal titolo Ball Peen Hammer, che vede come protagonista Keane, uno dei fratelli Morgan (quello che fa lo spogliarellista di nascosto dalla famiglia, almeno lui crede), e la sorella di Hanna, l'amica di Kat. Visto quel poco che si intravvede di lui nella serie, questo libro deve essere molto interessante e speriamo che possa anch'esso arrivare sugli scaffali delle librerie italiane come quelli della serie The Club, così da completare la storia.
Quindi, arrivati alla fine cosa posso dirvi? Che la serie The Club nel complesso mi è piaciuta molto, che i primi quattro libri sono davvero belli e divertenti, e che questi ultimi tre per me non sono stati all'altezza dei primi, pur essendo apprezzabili. Devo comunque dire che almeno il finale di questo ultimo capitolo ha sollevato le sorti della storia di Kat e Josh e che la coppia più esplosiva e spumeggiante dell'erotic romance degli ultimi anni ci ha fatto conoscere cose che voi umani non potete nemmeno immaginare... erotismo estremo senza sconfinare nel porno, non era facile, la Rowe ci è riuscita. Brava.

A presto 
Zia D.










"Kat, farò qualche cazzata, è sicuro: lo sappiamo entrambi. Come potrei non farlo? Te l'ho detto: non so come sia l'amore, visto da vicino. Sono un cieco che brancola nel buio, con le mani legate dietro la schiena. Manderò tutto a puttane e tu mi lascerai e mi farò schizzare le cervella sul soffitto."

"Quando ti ho vista la prima volta.. sei venuta dritta verso di me come se mi avessi ordinato su un catalogo: e li ho capito di essere fottuto. Ma nessun uomo nella storia dell'umanità è mai stato così fortunato, e così felice di essere fottuto."


Nessun commento:

Posta un commento

f
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...