giovedì 21 aprile 2016

Nemmeno un grammo d'amore di Robin C. Recensione in anteprima.

Ciao crazy
sono qui oggi per parlarvi in anteprima di Nemmeno un grammo d'amore di Robin C.,  si tratta di una pubblicazione self in uscita oggi 21 aprile in digitale. Vi consiglio di gustare in tutta la sua particolarità questo romanzo nell'attesa del debutto dell'autrice in casa Newton Compton a giugno con Tra di noi nessun segreto... venite con me a conoscere la storia di Anna, liberi di qualsiasi preconcetto! Recensione assolutamente senza spoiler..

seguimi Titolo: Nemmeno un grammo d'amore
Autore:
Robin C.
Serie:  No serie
Editore:
Self
Data:  21 aprile 2016
Genere: Erotic Romance
Categoria: triangolo
Narrazione: terza persona,
Finale: No cliffhanger
Coppia: Anna, giovane stagista; William, famoso architetto. Edward: studente d'architettura.


William non era mai stato disonesto con Anna. Non aveva finto di amarla per conquistarla. Il loro era un rapporto deviato e corrotto. Una relazione simile a una crudele spirale, in grado di trascinare entrambi sempre più in basso, verso un inevitabile disastro.
Lui l’aveva fatta sentire importante, l’aveva fatta sentire una nullità, l’aveva fatta sentire sensuale, l’aveva fatta sentire sporca. Soprattutto l’aveva trasformata nell’oggetto di un desiderio potentissimo e assoluto.
Non rimpiangeva nulla, Anna, ma era stanca del loro gioco, stanca al punto di mettere la parola fine alla loro folle storia.
Non poteva però prevedere le conseguenze di quella scelta.






Un amore corrosivo, tagliente, tossico, 
che non avrebbe chiesto scusa per ciò che era,
per il male che avrebbe fatto, 
e per le vittime che si sarebbe lasciato dietro.

Care lettrici sono qui a scrivere questa recensione a pochi minuti dalla fine della lettura di Nemmeno un grammo d'amore. Sono ancora in fibrillazione, con lo stomaco attorcigliato e incredula... E' un dato di fatto che ci sono letture che passano indifferenti, altre che ti rapiscono e altre ancora che invece ti annientano!
Io sono decisamente fan del terzo tipo di letture: amo le storie che mi divorano dall'interno, quelle che nel mentre mi rendono agitata, che mi danno l'adrenalina per restare sveglia la notte e per ritagliarmi ogni minimo attimo per leggere; quelle letture che senti nella testa, nel cuore e nello stomaco nello stesso istante; quelle letture che odi al pari di quanto le ami e che quando giri l'ultima pagina puoi solo esclamare una parola poco elegante, ma che rende bene l'idea (lascio spazio alla vostra immaginazione, so che non mi deluderete)... Neanche un grammo d'amore è tutto questo!
Terminato il libro la prima cosa che ho fatto è stato scrivere all'autrice per dirle che secondo il mio modestissimo parere questo era il suo libro migliore, quello che mi ha convinto maggiormente e del quale non avrei cambiato nemmeno una virgola e poi soprattutto per dirle che è diabolicamente geniale!
Nemmeno un grammo d'amore è un romanzo sui generis che sicuramente collezionerà vari commenti contrastanti a causa della tematica molto discutibile: il tradimento.
Chi decide di leggerlo deve essere consapevole che quello che sta per intraprendere è un viaggio torbido, molto crudo e a volte tanto reale da fare male. Robin C sa che tasti toccare per smuovere, scuotere e scombussolare ogni nostro più piccolo nervo: conosce la psiche umana e si diverte a metterci alla prova con queste letture al limite. Storie che ci pongono nella situazione di sentirci per tutto il tempo sotto pressione e costrette a prenderci delle pause per riuscire ad andare avanti...pause che però durano davvero poco perchè la curiosìtà di sapere ti fa riaprire il libro dopo aver contato appena fino a dieci.
Non è una storia d'amore quella che vi troverete davanti, o almeno non di un amore classico come lo intendono le amanti delle storie romantiche. E' la storia di un ossessione che non può essere curata ma solo saziata, è la storia di un'amore malato, di una donna che pur vergognandosi di quello che desidera, non può fare a meno di cedere ai suoi istinti. E' la storia di un uomo che tradisce per hobby, ma che mai avrebbe creduto di poter perdere la testa per una ragazza tanto più giovane di lui fino a farla diventare un chiodo fisso, una necessità... un' ossessione! Se pensate però che la storia si limiti a questi due protagonisti vi sbagliate di grosso, perchè questa è anche la storia di un ragazzo che suo malgrado si troverà coinvolto in una situazione che quasi lo distruggerà, ma dalla quale uscirà in fin dei conti vittorioso. 
Non voglio entrare nei dettagli della trama e non voglio dirvi nulla di più dei personaggi, dovete solo decidere se siete pronti per una storia che vi scandalizzerà, moralmente scorretta, sporca, peccaminosa, morbosa e che vi inchioderà alle pagine con il suo stile pulito, senza fronzoli, diretto, crudo e nonostante tutto, terribilmente coinvolgente. A voi la scelta... intanto io mi limito a dirvi che per me una lettura del genere è indimenticabile perchè ha saputo farmi provare miriade di emozioni contrastanti e seppur molte di queste sono scaturite da situazioni negative non potrò mai dimenticare la loro l'intensità.


Un bacio, Alessandra






20 commenti:

  1. Wow! Ho letto in passato un paio di libri dell'autrice apprezzandone lo stile. Dopo questa recensione non vedo l'ora di leggerlo. Grazie per il sempre ottimo lavoro. Marina

    RispondiElimina
  2. Recensione stupenda, che condivido in toto. La Robin non scrive, graffia la carne mentre ti racconta le cose.
    E l'argomento è duro da morire ma travolge e appassiona.
    Applausi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come posso ringraziare adeguatamente questa donna? Christine Gallineri è una delle penne migliori nel panorama self ed è una delle amiche più care che ho in questo mondo fatto di passioni condivise. Per quanto riguarda questo libro, è anche la donna che si è presa la briga (insieme ad altre due beta reader), di leggerlo per aiutarmi a trovare sviste, errori di battitura o strafalcioni veri e propri. Essere aiutate da lei è stata una grande fortuna. Quindi Grazie di tutto cuore Cri!

      Elimina
  3. Robin C è una bomba a mano, in mano e innescata. Ha uno stile diretto e intransigente, perfetto per il tipo di storie che le piace raccontare: scomode, ruvide e appassionanti. Ogni volta che leggo qualcosa di suo soffro, ma cavolo quant'è difficile non leggerla!
    Bellissima recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie amorrrr! Come fare senza di te!!!

      Elimina
  4. Quando ho letto Betrayal sono rimasta scossa per giorni ....ho quasi paura a leggerlo .....bellissima recensione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me questo, da un certo punto di vista, è meno traumatico. Betrayal era duro perché avevo tentato di renderlo realistico nei passaggi psicologici fondamentali. Qui siamo su un piano differente. Però, certo, non è un romance di quelli che fanno sognare. Non so cosa consigliarti, perché dipende un pochino da cosa ti piace leggere! Fossi in te ... ci proverei! (ahahahaha... ok sono di parte). No, davvero. è giusto seguire i propri gusti e quindi fare come si vuole! Un abbraccio, Cristina.

      Elimina
  5. Quando ho letto Betrayal sono rimasta scossa per giorni ....ho quasi paura a leggerlo .....bellissima recensione

    RispondiElimina
  6. Robin C sa come costruire una trama scomoda e, a volte, irritante. Ma talmente coinvolgente che ne vorresti ancora. Non usa facili scorciatoie né cerca il lieto fine.
    Eppure non riesco a trovare una sola riga che avrei cambiato. Questo romanzo è perfetto dalla prima parola all'ultima. Assolutamente da leggere e rileggere dopo aver ponderato bene quanto sono centrati i personaggi nel loro modo (distorto) di amare. Brava Cri!
    E complimenti al blog per l'ottima recensione.
    JO Tyler

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jo! Non so come ringraziarti per l'aiuto che sempre mi dai in fase di editing Sei un'amica preziosa! Grazie!

      Elimina
  7. Che dire.... Ho divorato Mathias e Betrayal, ne sono rimasta affascinata e ossessionata.... Dopo questa recensione penso che anche questo tuo altro libro, cara Robin C., lascerà un segno nella mia anima. Sei eccezionale e AD MAJORA SEMPER.....

    RispondiElimina
  8. Robin C. non delude mai. Leggerla significa tuffarsi in un mondo fatto di emozioni fortissime che ti trasportano, ti bloccano il respiro e ti legano senza possibilità di fuga sino alla fine e molto oltre.
    Grazie come sempre per questa bellissima recensione.
    Patrizia

    RispondiElimina
  9. Condivido in pieno la recensione e le opinioni dei commenti che ho letto finora. L'autrice è brava come poche, emoziona raccontando storie fuori dal comune, descrive le emozioni e gli Stati d'animo dei protagonisti in maniera strepitosa. Anche io ho letto Mathias e Betrayal e li ho adorati. Questo sarà senz'altro un altro capolavoro che lascerà il segno! Ora scusate, vado a iniziarlo! :)

    RispondiElimina
  10. Un libro crudo, schietto che ti tiene con il fiato sospeso e lo stomaco aggrovigliato fino alla fine perchè aspetti sempre la svolta verso l'amore cosiddetto "normale" e ti lascia a bocca aperta. Bello, diverso. Brava Robin C.!!

    RispondiElimina
  11. Ho letto solo ora la tua recensione, praticamente dopo aver letto il romanzo. E mi trovo assolutamente d'accordo su tutto. È un romanzo forte, duro, intenso e secondo me assolutamente reale. Sai una cosa, Ale? anche io ho letto tutti i suoi romanzi e anche per me è in assoluto il migliore ... e quando l'ho finito ho detto solo ... beh, esattamente lo stesso che hai pensato tu!!!

    RispondiElimina
  12. Ho letto solo ora la tua recensione, praticamente dopo aver letto il romanzo. E mi trovo assolutamente d'accordo su tutto. È un romanzo forte, duro, intenso e secondo me assolutamente reale. Sai una cosa, Ale? anche io ho letto tutti i suoi romanzi e anche per me è in assoluto il migliore ... e quando l'ho finito ho detto solo ... beh, esattamente lo stesso che hai pensato tu!!!

    RispondiElimina

f
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...