lunedì 20 febbraio 2017

Mille notti di te e di me di Laura Gay, recensione in anteprima

Care Crazy,
Oggi vi parliamo di Mille notti di te e di me, romanzo erotico dell’affermata autrice self Laura Gay, per la prima volta pubblicata da Newton Compton.
Questa storia non è certo qualcosa di mai visto, insomma chi non ha mai letto una storia in cui i protagonisti sono un miliardario dal passato “movimentato” e una studentessa squattrinata? Eppure, nonostante la trama scontata, l’autrice è riuscita a tenermi incollata, nonostante le riserve che inizialmente avevo su questo libro. Venite a conoscere la trama e poi vi spiego perché non riuscivo a staccarmi.

Mille notti di te e di me Titolo: Mille notti di te e di me
Autore:
Laura Gay
Serie:  non fa parte di una serie
Editore:
Newton Compton
Data: 20 febbraio 2017
Genere: erotic romance
Categoria: Proposta indecente
Narrazione: terza persona, pov alternati
Finale: No cliffhanger
Coppia: Eva, studentessa italiana che ha appena perso i genitori; Brian, miliardario londinese dispotico e allergico ai sentimenti.


Per gioco, per curiosità o per amore Eva Massa, una ventenne genovese, è completamente al verde. Deve trovare al più presto un modo per potersi mantenere e completare gli studi universitari. Alla soluzione sembra aver pensato la sua amica Fiamma, intraprendente e audace, che a sua insaputa mette la foto di Eva su un sito per accompagnatrici di lusso. E la sua chioma rossa non passa inosservata... La proposta più allettante arriva da un ricco uomo d’affari londinese: cinquantamila euro in cambio di un weekend insieme a lui a Londra. Eva all’inizio rifiuta, poi la curiosità e il fascino di Brian Armitage hanno il sopravvento sul buonsenso, e la ragazza accetta, a patto di non dover fare sesso con lui. Ma quando Brian ed Eva si vedono, l’attrazione tra loro è palpabile. E dopo una giornata trascorsa a fare shopping nelle più belle vie londinesi, Eva cede alla tentazione. E il sesso tra di loro non sarà affatto soft...



Questo è il cliché che ormai da anni imperversa nelle librerie. Il miliardario e la studentessa. Perché parliamoci chiaro, gli uomini di potere hanno qualcosa in più. Attraggono noi povere ragazze con gli ormoni in subbuglio come il miele attrae le api. Potrà anche essere ormai usurato, ma è un cliché che difficilmente passerà di moda.
Quando ho saputo di questa uscita ero divisa a metà. La parte di me attratta da questo genere di storie (alla Cinquanta Sfumature per intenderci) era curiosa di leggerla per conoscere questo Mr. Armitage. L’altra aveva paura di leggere qualcosa di noioso e di tendente al porno. Invece nonostante le numerose (molto numerose) scene di sesso, mi sono dovuta ricredere.
Eva ha appena perso i genitori in un incidente aereo, studia storia all’università di Genova e non ha il becco di un quattrino. I suoi l’hanno lasciata in un mare di debiti e lei non sa proprio come venirne a capo. Interviene quindi la sua migliore amica, Fiamma, che a sua insaputa l’ha iscritta a un sito di escort di lusso. Eva ha già un ragazzo, Davide, troppo impegnato a pensare a sé stesso per essere di qualche sostegno alla sua ragazza, ma da brava fidanzata non ha la minima intenzione di accettare di volare a Londra per accompagnare il miliardario Brian Armitage a una serata di gala. Questo finché lui non le farà un’offerta che non potrà rifiutare. Con l’acqua alla gola, Eva accetta e vola a Londra.
Brian Armitage è un miliardario che si è fatto da solo. È cinico e spietato, negli affari quanto nella vita privata. Cambia donna con la stessa frequenza dei calzini, una relazione stabile è l’ultima cosa a cui aspira. Ma quando vede la foto di Eva in quel sito di escort, non può fare a meno di desiderarla. Farà carte false per averla, ma non può certo immaginare che Eva sia così diversa dalle solite arrampicatrici sociali che di solito frequentano il suo ambiente. Eva cambierà la sua vita, ma quando i sentimenti prenderanno il sopravvento, gelosie, paure e insicurezze mineranno il loro rapporto, oltre a una vecchia fiamma che non ha proprio intenzione di farsi da parte.
Il mio “valutometro” ha fatto su e giù durante tutta la lettura. Arrivata a metà libro mi ero ormai rassegnata a leggere soltanto scene di sesso, ma poi colpo di scena, tutto cambia e le cose cominciano a farsi interessanti. A volte avrei voluto prendere a calci sui denti la protagonista, perché bastava che Brian le facesse qualche avance un po’ più “esplicita” e praticamente diventava creta nelle sue mani. Sono contenta che verso la metà abbia tirato fuori gli artigli.
Brian invece? È un gran bastardo, è stato caratterizzato abbastanza bene, ma avrei voluto più sentimento da parte sua. Per quasi tutto il libro, i suoi pensieri sono stati incentrati solo e soltanto sul sesso, per poi rendersi conto dei suoi sentimenti soltanto dopo essersi scatenata la tempesta.
Ma il motivo per cui non riuscivo a staccarmi è tutto da imputare alla bravura dell’autrice nel tenere alto il mio interesse. La scrittura è scorrevole, grammaticalmente corretta e mai noiosa, è riuscita a coinvolgermi, tanto che me ne andavo in giro per casa con il Kindle in mano a volte imprecante a volte sorridente. I miei stavano per chiamare il manicomio più vicino.
È per questo motivo che alla fine il mio “valutometro” (sì, ho coniato un nuovo termine u.u) si è fermato sul 4. Secondo il mio giudizio, riuscendo a catturare l’attenzione del lettore, l’autrice era già a metà dell’opera, lo svilupparsi degli eventi hanno fatto il resto.
Leggetelo!

Un bacio,
Sissy







1 commento:

  1. Bah io l'ho trovato noioso,per nulla originale,a tratti ridicolo...
    Personaggi già visti e stravisti ma ancora più banali
    Niente di che davvero ,solita solfa scritta in qlc modo
    C'è di meglio assolutamente

    RispondiElimina

f
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...