mercoledì 9 marzo 2016

Per sempre con me di Jennifer L. Armentrout, recensione

Ciao Crazy for... Armentrout
oggi vogliamo parlarvi di Per sempre con me, quinto libro della serie Wait for you di Jennifer L. Armentrout pubblicato dalla casa editrice Nord lo scorso 3 marzo. Ci immergeremo nella storia di Stephanie e Nick... curiose di sapere se anche questo libro è all'altezza degli standard di questa autrice? Andiamo!

Titolo: Per sempre con me
Autore: Jennifer L Armentrout
Serie: #5 Wait for you
Editore: Editrice Nord
Data: 3 marzo 2016
Genere:  New adutl
Categoria: drama
Narrazione: #1 persona pov femminile
Finale: No Cliffhanger
Coppia: Stephanie, giovane disinibita appena trasferita in una nuova città per lavoro - Nick, rilassato barista donnaiolo.



QUI SERIE


Credevo di non aver bisogno di nessuno
Credevo di essere felice da sola
Credevo di saper proteggere il mio cuore
Ma poi tu hai demolito le mie difese...
In cuor suo, Stephanie sa di essere un’inguaribile romantica, una di quelle ragazze che crede nel colpo di fulmine e nel potere del vero amore. Tuttavia ha imparato a sue spese che è più saggio non farsi illusioni: troppe volte ha rinunciato a tutto per poi ritrovarsi da sola a rimettere insieme i pezzi del suo orgoglio. Perciò adesso preferisce concentrarsi sul lavoro e proteggere i sentimenti dietro una corazza di sfrontata sicurezza. Mai si sarebbe immaginata che un giorno si sarebbe lasciata sedurre da Nick, il barista più affascinante del Mona's pub. Bello, arrogante e sempre pieno di donne, Nick è il classico tipo da una notte e via. Eppure Steph lo travolge, col suo sorriso disarmante, con la sua forza e con l'ostinazione con cui nasconde le proprie insicurezze. A poco a poco, Nick si rende conto di non poter più vivere senza di lei. Ma, per convincere la donna più diffidente del mondo a dargli una possibilità, Nick dovrà essere pronto a togliere la maschera da playboy e a mettere a nudo la propria anima. Anche se ciò significa rivelare un segreto che rischia di distruggerlo…

La volete sapere una cosa ragazze? Quando recensisco l'Armentrout (come anche la Hoover e la Reisz) ho sempre la paura di essere ripetitiva... ma come faccio a non dirvi che lei non sbaglia un colpo, che ogni suo libro è sempre una certezza, che le sue storie si leggono con una tale facilità che le pagine scivolano via e che ogni suo personaggio mi fa irrimediabilmente innamorare di lui?
Questa volta però, ad essere sincera, ero partita molto scettica. Complice la reputazione che si era guadagnata la cara Stephanie nel primo e secondo libro della serie, avevo paura di non riuscire ad entrare in sintonia col personaggio femminile, avevo il grosso timore che l'antipatia che avevo nutrito precedentemente per questo personaggio  non mi permettesse di gustarmi la nuova storia... e invece ho adorato Steph. Questo personaggio ha avuto il suo riscatto e vi dirò, forse azzardando, che penso sia il personaggio femminile meglio riuscito della serie. La cosa che ho molto apprezzato, cominciando a leggere il libro, è che la nostra cara Armentrout non ha trasformato Stephanie in una santerellina vittima del mondo solo perchè ora è la protagonista. 
Steph è rimasta conforme al personaggio che abbiamo conosciuto a suo tempo: una bella ragazza, disinibita con i ragazzi, indipendente e che non si fa problemi a godersi un po' di sano sesso senza impegno... uniche regole? Mai ragazzi impegnati e sempre sesso protetto! ovvio però, che oltre a questo lato frivolo conosceremo anche Stephanie nel suo intimo e scopriremo che c'è molto altro oltre la facciata sexy. 
Il romanzo parte alla grande. Incontriamo Steph che sta traslocando nel suo nuovo appartamento a Plymouth Meeting, per la prima volta lontana da casa e da sola. Si è da poco laureata ed è in procinto di cominciare a lavorare negli uffici di una famosissima palestra di arti marziali. Il suo primo giorno nella nuova città è segnato da una conoscenza che non può rimanere indifferente e che difficilmente si può scordare: Nick. 
Il bel barista del Mona's pub è strabiliante, di una bellezza disarmante, il classico donnaiolo da una "botta e via", non esiste donna che abbia avuto l'onore di averlo per due notti nel suo letto, insomma un vero e proprio playboy che morde e fugge!

Per quanto la sexy Steph non faccia eccezione a queste regole per una serie di motivi, che scoprirete leggendo, Nick ci sorprenderà positivamente e ci conquisterà con il suo comportamento così protettivo, responsabile e al tempo stesso dolce e sensualissimo... inaspettatamente il barista libertino passa dal dire sempre la cosa sbagliata ad essere assolutamente l'uomo che tutti vorremmo accanto.

La storia di Nick e Steph non partirà da basi solide, ma il loro legame si salderà velocemente e in modo del tutto inatteso. Si troveranno sin da subito a superare prove a cui nessuno dei due era assolutamente preparato... ma se la caveranno alla grande!
Un libro dalla trama semplice ma dalle emozioni forti e genuine, una storia che si legge velocemente e che appassiona, un epilogo che attendiamo tutte con ansia da un po' di tempo... diciamo pure l'happy ending degli happy ending... non ci credete? leggere per credere!
Per sempre con me: sicuramente non il più bello della serie ma assolutamente un libro da leggere, che mantiene alto lo standard della serie e  chi ha già letto il libro avrà certo piacere nell'apprendere che il sesto libro della serie che esce ad agosto in America, Fire in you, sarà su Jillian e Brock... non poteva essere altrimenti. 

Al prossimo Armentrout, Alessandra!











 

7 commenti:

  1. Stephanie e' stata una piacevole scoperta, come Nick del resto.. Una coppia ben assortita, poi lui dolcissimo. Come hai scritto tu, e' un libro piacevole e scorrevole, sono arrivata alla fine e non me ne sono neanche resa conto. La Lynn non sbaglia un colpo.

    RispondiElimina
  2. Letto e divorato in pochissimo tempo, è vero, forse non è il suo più bello, ma a me è piaciuto tantissimo soprattutto per il "riscatto" che hanno i protagonisti. Lo ribadisco:ADORO la freschezza e la semplicità con cui la Armentrout parla di certi argomenti.. "difficili"

    RispondiElimina
  3. Letto anch'io d'un fiato, perché molto scorrevole. Non è appunto, come avete detto tutte, il libro migliore della serie. Io per esempio ho adorato Jase e Tess e soprattutto ho trovato splendido Jax con Calla. Detto questo però ho apprezzato Stephanie per certi versi, altri discorsi che le fa dire l'autrice meno. Come si fa a trovarsi tra amiche con una ragazza che è stata con tuo fratello e il tuo ragazzo....è chiaro che scatterà sempre da parte della fidanzata ufficiale una sorta di marcatura a uomo....non è facile e ci vuole una persona intelligente e soprattutto che sappia dimostrare col tempo e nei modi che questi ex non le interessano più...Io personalmente la vedo così....poi sappiamo com'è la realtà negli uomini....dovrebbero proprio essere persi per non farci un pensierino sul passato.... ;-)

    RispondiElimina
  4. Divorato in un giorno...non vedo l'ora di leggere la storia di Jillian e Brock...e spero anche in un domani di leggere un continuo di Teresa e Jace (per vedere come sono andate avanti le cose) e di Nich e Steph...

    RispondiElimina
  5. Molto bello come libro ma manca quel qualcosa che lo avrebbe reso ancora più bello. E forse quel qualcosa è un finale diverso dove si può leggere la nascita del loro bambino. Nich e Steph meritano di avere un figlio e noi lettrici meritiamo di leggere quel momento.

    RispondiElimina
  6. Mi rincuora sapere che non sono l'unica pazza che si innamora sempre dei libri della Armentrout! A mio parere, è una scrittrice pazzesca, ti fa entrare sempre in sintonia con i suoi personaggi, e te li fa amare! Per non parlare della sagacia che attribuisce a molti dei suoi capolavori maschili!! Una scrittrice top!

    RispondiElimina

f
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...