martedì 5 luglio 2016

L’inizio del gioco di Sophie Jordan, recensione in anteprima



Buongiorno crazy,

Oggi vi regaliamo l’anteprima de L’Inizio Del Gioco di Sophie Jordan, il primo volume della serie The Ivy Chronicles, che segue le storie di tre amiche  al college. Il libro, in uscita oggi con la Newton Compton, ci racconta di Pepper, innamorata del fratello della sua più cara amica..



la figlia perfetta Titolo: L'inizio del gioco 
Autore: Sophie Jordan

Serie:  The Ivy Chronicles #1
Editore: Newton Compton 

Data:  5 luglio 2016
Genere: new adult
Categoria: collegial, amici/amanti
Narrazione: prima persona, pov femminile
Finale: No cliffhanger
Coppia: Pepper, timida studentessa con problemi familiari; Reece, barista sexy; Hunter, amico di Pepper.

QUI SERIE


Non sempre ciò che abbiamo sempre desiderato è anche ciò di cui abbiamo bisogno…
  
Fin da quando riesce a ricordare, Pepper è innamorata del fratello della sua migliore amica. Hunter è l’uomo perfetto, la chiave per ottenere tutto ciò che lei ha sempre desiderato: sicurezza, stabilità, una famiglia. Ma se vuole realizzare i suoi sogni, Pepper deve fare in modo che Hunter si accorga di lei, che smetta di vederla solo come “l’amica di sua sorella” e che inizi a considerarla una vera donna. Certo lei non può contare su una grande esperienza in fatto di uomini, ma ha intenzione di rimediare passando da principiante a esperta del sesso con l’aiuto di qualcuno che sa il fatto suo. E le sue compagne di università sembrano avere il candidato ideale. Solo che il barman Reece non è affatto come Pepper se l’aspettava. È fantastico, d’accordo, ma è anche pericoloso, profondo, con un passato tormentato. Presto le “lezioni di seduzione” iniziano a sconvolgere le vite di entrambi, perché nessuno sa cosa può succedere quando si superano i preliminari e si fa sul serio…



Per tutta la vita ho saputo cosa volevo. O meglio cosa non volevo.
Ma è strano come ciò da cui fuggi trova sempre il modo di raggiungerti. 
Quando non guardi, compare all’improvviso, 
ti picchietta su una spalla, ti sfida a girarti.
A volte non puoi farci niente. Devi fermarti.Devi voltarti e guardare.
Devi lasciarti cadere e sperare per il meglio.
Sperare che quando tutto sarà finito ne uscirai d’un pezzo.

Pepper è timida, insicura, silenziosa, ma di certo sa ciò che vuole, ed è determinata ad ottenerlo.
 Hunter è ciò che ha sempre desiderato: è lui, l’unico che potrebbe darle tutto quello di cui ha bisogno. Ma Hunter, nonostante sia cosi vicino, risulta ancora essere per lei inavvicinabile: non si è mai accorto di lei. E adesso che l’opportunità si presenta per la prima volta, Pepper non può lasciarsela sfuggire, e ciò significa fare tutto il necessario per farsi notare e prendersi quello che le è sempre spettato: avere il meglio che la vita non le ha mai offerto.

C’era una sola verità inconfutabile nella mia vita. Un’unica cosa sapevo per certo. Hunter era buono. Hunter era normale. E io volevo questo. Correzione: lui. Volevo lui. Questo lo sapevo. Questo era il piano. 

Ma ci vuole ben poco per far saltare il suo piano.. quando a salvarla sono due occhi celesti, una pelle abbronzata, un tatuaggio ed un piercing. Lui è Reece. L’altro. 
A volte siamo completa- mente concentrati sul nostro obiettivo che non riusciamo a vedere oltre, o nemmeno ciò che abbiamo al nostro fianco. La vita di Pepper non è stata semplice, e non potendo aiutare la madre, si è concentrata nel salvare se stessa. Ma non sempre bisogna salvarsi, perché a volte dobbiamo lasciarci cadere, e guardare tutto da un’altra prospettiva. Pepper ancora non lo sa, ma nel libro inizia a conoscersi, e durante la lettura assistiamo al suo cambiamento: viene a patti con quello che lei è, con ciò che vuole e con quello di cui ha bisogno. Hunter è un ragazzo dolce, un animo gentile, e nonostante avessi pensato che lei l’avesse idealizzato troppo, alla fine lui si è rivelato essere cosi: il ragazzo della porta accanto, quello che ti conquista con lentezza, entrando in punta di piedi. Ma... Mah. Un bel  “ma”... perché, diciamoci la verità: a chi piace il bravo ragazzo/principe azzurro? Che sia pirata, vampiro, o il cattivo della situazione, quando s’incontra un ragazzo come Reece non ce n’è per nessuno. E non importa quanti problemi abbia, perché la modalità “crocerossina” si attiva in automatico.
 Un libro da portare in vacanza con voi sulla spiaggia (mentre si sbava sul bagnino di turno), molto veloce e scorrevole. Una lettura che non appesantisce, semplice anche se tratta qualche argomento complesso, ma in modo molto sfuggente: sembra quasi che la Jordan abbia voluto dare poca importanza ai problemi/cause per concentrarsi sul “superamento” degli stessi.
Della stessa autrice avevo già avuto il piacere di leggere altri scritti, e devo confessare che non ho amato questo genere quanto i suoi  urban fantasy : la penna è la stessa, ma è come se ci fosse un’anima diversa.. e personalmente ho amato più l’altra.
 Un bel libro, anche se a volte, come spesso succede, le storie un po’ si somigliano (questo accade quando leggendo troppi libri, ormai si conosce lo schema che segue la trama..). Per il resto, mi è dispiaciuto per il finale, che ho trovato troppo sbrigativo: non ho avuto nemmeno il tempo di asciugare una prima lacrima che già stavo leggendo l’epilogo. La storia comunque merita, quindi non mi rimane che lasciarvi il mio voto ed una breve citazione.



“Ma qualche volta ciò che vuoi non è ciò di cui hai davvero bisogno”

Buona lettura, Cinzia.



la figlia perfetta










3 commenti:

  1. mmmmm hai perfettamente ragione quando scrive che leggendo troppi libri si finisce per conoscere quasi tutte le trame.
    Io parlo per me, divoro libri a manetta (tra ebook e cartacei) però mi capita molto spesso di annoiarmi, perchè magari quella trama mi ricorda un libro già letto quindi non c'è più la curiosità di scoprire il finale (ormai è scontato).
    Avevo una mezza idea di acquistare questo libri in cartaceo, nonostante sia una recensione positiva e ben fatta, credo che acquisterò il formato digitale (mi sono imposta una regola per non spendere tutto lo stipendio -.-' acquistare solo cartacei di libri che mi attirano come il canto della sirena)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem..i libri li leggo solo in formato digitale, e solo se davvero meritano li acquisto in cartaceo.

      Elimina
  2. Ho iniziato a leggerlo e si purtroppo ricorda altri già letti....comunque voglio conoscere come si evolve la storia. Vi segnalo che per accedendo alla serie ci si imbatte in quella di emma chase....ovviamente già divorata

    RispondiElimina

f
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...