lunedì 6 aprile 2015

The Saint di Tiffany Reisz: leggi l'estratto

Ciao Crazy,
vi allieteremo questo giorno di pasquetta con una chicca quasi a tema con la festività -dopotutto il prete per la benedizione non manca. Tratto da The Saint di Tiffany Raisz, primo volume della serie Anni Bianchi  -o se vogliamo il quinto della serie Peccato Originale per capirci meglio (qui scheda e trame)- ecco un estratto per ingannare l'attesa. La parte scelta non crea spoiler a chi non ha ancora letto la serie  ma è solo il primo incontro tra Søren e Eleonor... Ringraziamo per questa traduzione Naike Ror -amica del blog sfegatata fan della Reisz come me (Ale)- che ci ha voluto gentilmente regalare questa scena. E ora buona Lettura!



« Mi stavo chiedendo dove fossi andata. » Chiese togliendo il casco dal manubrio e voltandosi per guardarla. « Hai detto che mi avresti aspettato. »

« Sei un idiota lo sai? » Lui alzò un sopracciglio mentre Elle portò le sue mani in tasca e cominciò a fissarlo.
« Lo sono? » si mise a cavallo della sua motocicletta e lei si posizionò davanti a lui.
« Hai una mezza idea di quello che hai tra le gambe? » chiese.
« Sono ben consapevole di quello che ho tra le gambe » rispose senza che le parole interrompessero il suo sorriso. Lei strinse gli occhi su di lui e si avvicinò mettendosi a cavallo della ruota anteriore con le ginocchia.
« Quindi sai che questa è una Ducati A 907 »
« Lo e? »
« Ed è nera. Non ne ho mai vista una nera » fece un giro attorno alla moto « Hai idea di quanto valga? »
« Una piccola fortuna immagino. » Rispose rimettendo il casco sul manubrio.
« Sì una piccola, quindi dov'è la catena? »
« Scusami? »
« Una catena. Non puoi lasciare una ducati in un parcheggio senza una catena. Sei stupidamente criminale o vuoi che te la rubino? »
« Criminalmente stupido »
« Quindi lo ammetti »
« No. Sto solamente correggendo la tua grammatica. E non avevo realizzato che in un sobborgo del Connecticut ci fosse un tasso di criminalità così alto. Dovrei avere paura? » Chiese con un tono che faceva capire implicitamente che sapeva cosa fosse la paura ma solo in teoria.
« Se avessi qualcosa di valore la legherei » lui le sorrise.
« Lo farò. »
« Bene...okay... » Rimase lì senza sapere che altro dire. Le poche cose che le saltavano in mente erano troppo avanti tipo “ti amo “ e “vuoi sposarmi?”
« Dimmi il tuo nome »
« Elle »
« Che starebbe per... »
« Eleanor. Eleanor Louise Scheriber al suo servizio » Afferrò gli angoli della gonna e fece il suo inchino più sarcastico « E tu chi diavolo sei? »
« Prova di nuovo. Più educatamente per favore » Elle battè la punta dello stivale sul terreno « Quindi? »
« Bene. Qual'è il suo nome padre? » Lui la fissò per un momento senza rispondere. « Non sai il tuo nome? »
« Sto decidendo come rispondere nel frattempo permettimi di dirti che è finalmente un piacere conoscerti Eleanor. » Allungò la sua mano sinistra e lei non ebbe scelta che stringerla. Non appena la strinse, tirò su le maniche e esaminò le due bruciature che aveva sul polso. « Ma che diavolo stai facendo? » Domandò ritraendo il braccio. Lui non si spostò di un millimetro e lo tenne nella stessa posizione.
« Hai due bruciature di secondo grado sul tuo braccio e hai le ginocchia graffiate. Potresti dirmi come te le sei procurate? »
« Non sono affari tuoi » il prete la studiò con quei suoi occhi color acciaio. Adesso non sembrava offeso del linguaggio.
« Eleonor » Disse « Dimmi chi ti ha ferito e dimmelo adesso » sentì la forza di quell'ordine forte come un muro contro.
« No. Non mi hai nemmeno detto il tuo nome. »
« Se ti dico il mio nome tu mi dici chi ti ha fatto le bruciature? » lui le lasciò andare la mano e lei la strinse sullo stomaco. Il suo intero corpo rimase scosso da quel tocco e rimase immobile in silenzio mentre lui fissava il suo volto finché a malincuore incontrò i suoi occhi.
« Lo dirai a qualcuno? » Lei non era abbastanza coraggiosa per parlare con qualcuno di qualcosa di così personale ma per qualche ragione, una ragione che non sapeva come chiamare, si fidava di quest'uomo, di questo prete.
« Ad anima viva »
« Okay. Bene. Nome » l'uomo prese dalla sacca di pelle nera della moto quella che sembrava una bibbia in lingua straniera. Aprì su una pagina dove aveva scritto il suo nome con inchiostro nero spesso e una grafia comprensibile.
Søren Magnussen
Lei allungò la mano e traccio con la punta del dito le lettere di quel nome.
« Søren... l'ho pronunciato bene? »
« Lo hai detto all'americana »
« Come pensavi lo pronunciassi? »
« Mi piace come lo hai detto. Devi sapere che quello non è il nome con cui tutti mi chiamano. È il nome con cui mi chiamava mia madre. Sfortunatamente però sono obbligato a essere chiamato con quello con cui mi ha chiamato mio padre. Marcus Stearn »
« Quindi nessuno qui sa il tuo vero nome? » Il fatto che avesse scritto Søren Magnussen nella sua Bibbia sembrava suggerire che egli considerava Søren il suo vero nome, non Marcus .
« Solo tu.  Adesso che lo sai credo che tu debba rispondere alla mia domanda »
« Non è stato un grande scambio »
« Eleanor... »
« Mi chiamano Elle non Eleanor »
« Eleanor è un nome da regina. Elle è semplicemente un pronome francese che significa lei. Io ti chiamerò Eleanor. E adesso Eleanor, dimmi come ti sei bruciata i polsi, dopo passiamo alle ginocchia »
« Arricciacapelli »
« Auto inflitte o qualcuno ti ha ferito? »
« Auto inflitte. »
« Perché l'hai fatto? »
« Per divertimento »
« Ti diverti a ferirti? » Le domandò senza essere scioccato o disgustato. Non avvertì nulla tranne che curiosità nella sua voce.  Lei annuì.
« Pensi che sia matta? »
« Sembri più sana di me. Tralasciando i tuoi vestiti »
« Cosa? Non digerisci il grunge? »
« Anche i tuoi capelli potrebbero essere causa di preoccupazione »
« Cos'hanno che non va i miei capelli? »
« Sono sul verde »
« Non è muffa » Rispose ridendo all'espressione giocosa di disapprovazione che lui aveva sulla sua faccia. « è gel per capelli. Ho messo del verde dentro. »
« Quanti anni hai? »
« Quindici. Ne compio sedici tra due settimane. » Disse sentendosi di aggiungere l'ultima parte. « Mia madre dice che sei troppo giovane per essere un prete »
« Ho ventinove anni. Ma proverò a invecchiare velocemente per lei. Sono certo che quando dirò messa ti sembrerò più vecchio. »
« Farò del mio meglio » Lei gli sorrise mentre giocava con i risvolti della sua giacca. Ancora una volta si ritrovò in un silenzio imbarazzante. Lui invece non era imbarazzato per niente, sembrava avesse l'intera vita davanti da trascorrere a guardare quanto lei fosse stramba.
« Adesso passiamo alle ginocchia. Quelle sono impressionanti »
« Sono caduta.» disse « Cazzate che succedono »
« Magari mi sbaglio ma non sembri goffa » Lei strinse le sue labbra. Goffa?
« Non sono goffa. Mai. La mia insegnante di ginnastica dice che mi muovo come una ballerina »
« Quindi le ferite come te le sei fatte? »
«  Rissa a scuola »
« Mi auguro che lei sia ridotta peggio di te »
« Lui.  » Lo riprese con orgoglio « Lui sta bene. Anche se quando cammina fa ancora ridere » gli occhi di Soren si spalancarono leggermente.
« Hai picchiato un ragazzo a scuola? » sembrava moderatamente disgustato.
« Non per colpa mia. C'è una ragazza a scuola. Pepper Riley. E come se il suo nome non fosse abbastanza brutto, ha due tette enormi. È una fifona ha paura persino della sua ombra così questo ragazzo, Trey, ha cominciato a fare il coglione con lei sull'autobus e a dire cazzate sul suo corpo. Così gli ho detto di starsene zitto.  Ma lui ha cominciato a dirle su di me, era tutto uno “voglio il tuo corpo Elle”. Io gli ho risposto che poteva avere il mio corpo se voleva, il mio piede dritto sulle sue palle. È stato affascinante. Quando siamo scesi mi ha spinto così forte che sono caduta sulle mie ginocchia e si sono ferite. Un tipico mercoledì al liceo cattolico. I soldi delle tue tasse sprecati. » Continuava a fissarla. I suoi occhi spalancati e distanti.


« Padre Stears? Søren? Chiunque tu sia » lei sventolò la sua mano.
« Perdonami. Ero assolutamente rapito dal tuo racconto. »
« Comunque buon per me che è accaduto nei sedili infondo dell'autobus e l'autista non ha visto nulla. Altrimenti il vice preside Wells avrebbe avuto il mio culo. Mi ha detto che se mi avessero mandato un'altra volta nel suo ufficio mi avrebbe pubblicamente crocefisso come esempio per tutta la scuola. Crede che stesse scherzando? »
« Ti meriteresti un trattamento del genere? »
« Forse. Ho detto in classe che Santa Teresa non ha avuto un'esperienza mistica ma nella realtà ha avuto un orgasmo. Non è come mi aspettavo. Ha detto che un angelo l'ha penetrata con le sue frecce infuocate proprio nel suo interno e che questo le ha causato un'estasi. » Elle diede enfasi alle sue parole. « Questa non è un'esperienza mistica questo è un grande orgasmo vaginale. Wells dovrebbe apprezzare la mia teologia »
« Io apprezzo la tua teologia » Eleanor aprì la bocca e la richiuse. Non aveva più parole. Niente, nessuna, non aveva idea di cos'altro dire.
« Devo andare »
« Perché? »
« Vuoi che resti? »
« Lo voglio »  lo guardò con curiosità.
« Nessuno mi ha mai chiesto di restare. Capisci, dopo avermi parlato »
« Voglio che resti » disse « Voglio che continui a parlare. »
« Non interrompo la tua partita di golf? »
« Golf? »
« Tutti i preti giocano a golf, giusto? »
« Non questo prete »
« A cosa giochi allora? »
« Altri giochi » Qualcosa nel modo in cui disse la parola giochi fece stringere le dita dei piedi negli anfibi di Elle.
« Allora ti lascio tornare agli altri giochi »
« Faresti una sola cosa per me prima che me ne vada. »
« Cosa? »
« Sciogliti i capelli » stavolta senza chiederne la ragione Elle si sciolse i capelli e i suoi ricci disordinati caddero morbidi di lato. « Dammi la tua mano destra » lui le strinse di nuovo la mano, dal suo polso sinistro prese il laccetto dei capelli e lo infilò nel polso destro. Mise due dita tra l'elastico e il polso. Lo allungo e lo lasciò in modo che la pelle delicata fosse colpita.
« Cazzo... Gesù è doloroso. Perché l'hai fatto? »
« Quelle bruciature sul tuo polso impiegheranno mesi per guarire completamente. Ci sono altri modi per infliggersi dolore senza lasciare cicatrici. Dovresti imparare. » Elle guardò il suo polso. La sua pelle ancora era dolorosa ma il rossore aveva già cominciato a svanire.
« Tu... hai... »
« Il tuo corpo è un tempio Eleanor. Dovresti trattarlo come qualcosa di inestimabile e sacro . Ho imparato un'unica cosa dalla moglie di mio padre. Se devi rinnovarti o impari a farlo o assumi un professionista. » Riprese il casco e accese la moto. Il motore ruggì e le vibrazioni arrivarono dal terreno fino allo stomaco di Eleanor.
« Tu non sei un prete normale vero? » Lui le regalò un sorriso che poteva schiaffeggiarla e baciarla allo stesso tempo.
« Mio dio, speriamo di no »
Con quelle ultime parole indossò il casco e tolse il cavalletto con il tallone. Eleanor fece tre enormi passi indietro e lui guidò fuori dal parcheggio lasciandola da sola.
« Sono tua Søren » Disse solo a Dio senza saperne il significato. L'unica cosa che sapeva è che era la verità. Sapeva che era sua a qualsiasi costo.
Lei era sua.
Amen. E così sia. 


 

5 commenti:

  1. Potrei morire dopo quest'estratto!!!!! infinitamente GRAZIE

    RispondiElimina
  2. Quando escono gli altri? Una delle serie più belle mai lette *.*

    RispondiElimina
  3. la serie più bella che abbia mai letto!!!! non vedo l ora che esca questo libro!!!!!!!! <3 <3 <3 <3 <3 <3 <3

    RispondiElimina
  4. Grazieee Crazy siete uniche ! Un bacio Federica

    RispondiElimina
  5. E' stupendo questo estratto!!! <3 Ma non si può avere il pdf del libro? (sempre se c'è da qualche parte)

    RispondiElimina

f
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...